Arabia Saudita e Tunisia unite nei cieli e non solo

Pubblicato il 12 ottobre 2018 alle 7:34 in Arabia Saudita Tunisia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Arabia Saudita e la Tunisia, il 10 ottobre, hanno completato le loro prime esercitazioni aeree congiunte come parte di un programma di formazione bilaterale presso la base aerea di Sidi Ahmed, a Bizerte.

Il Ministero della Difesa tunisino ha dichiarato che le esercitazioni erano finalizzate ad “aumentare la preparazione dei piloti al combattimento e scambiare esperienze nei settori della logistica e del supporto tecnico”. Sempre a tal proposito, la prima settimana di ottobre, il comandante dell’esercito saudita, Mohamed bin Saeed Al Shahrani, aveva annunciato che le esercitazioni, prime nel loro genere con la Tunisia, sarebbero durate per 2 settimane. Nonostante ciò, un rapporto dell’agenzia stampa saudita (SPA) ha rivelato le pratiche si sono concluse il 10 ottobre.

Non a caso, il principe tenente generale, Turki bin Bandar bin Abdulaziz, comandante della Royal Air Force saudita, è arrivato in Tunisia, proprio mercoledì, per partecipare alla conclusione degli esercizi congiunti presso la base aerea di Sidi Ahmed, a Bizerte. La cerimonia di chiusura dell’esercizio comprendeva aerei da combattimento congiunti “aria-aria” di entrambi i Paesi, i quali hanno effettuato diverse formazioni aeree militari.

La Tunisia ha aderito a un’alleanza militare lanciata dall’Arabia Saudita alla fine del 2015, tuttavia è importante notare che il Paese nordafricano non è attivo nella coalizione guidata da Riyadh che combatte nello Yemen da marzo dello stesso anno.

Le forze aeree saudite sono arrivate in Tunisia lo scorso venerdì 5 ottobre con l’intenzione di addestrare il proprio personale e creare spazio per esercitazioni congiunte e scambio di conoscenze tra le due forze. Proprio nella prima settimana di ottobre, il comandante Al Shahrani ha dichiarato che le manovre praticate miravano a rafforzare la cooperazione tattica e operativa tra l’aviazione saudita e la sua controparte tunisina. Le mosse in questione erano inoltre volte ad accrescere l’esperienza dei piloti sauditi, grazie alla pratica di operazioni militari in un ambiente straniero.

L’Arabia Saudita, nella seconda settimana di ottobre, ha annunciato che approfondirà la cooperazione con la Tunisia, espandendola in altri settori. Il gabinetto ha altresì autorizzato i ministri dell’ambiente, dell’acqua e dell’agricoltura a discutere i modi per aumentare la cooperazione ambientale con i funzionari tunisini.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Alice Bellante

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.