Italia-Russia: Moavero a Mosca invita Putin al vertice sulla Libia

Pubblicato il 10 ottobre 2018 alle 18:11 in Italia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi durante la sua visita ufficiale a Mosca in cui è stato ricevuto dal suo omologo russo Sergej Lavrov ha invitato il presidente Putin alla conferenza sulla Libia, che si terrà a Palermo il 12 e il 13 novembre prossimi, comunica il Ministero degli Esteri della Federazione russa.

La visita di Moavero Milanesi ha aperto una serie di visite ufficiali a Mosca da parte di diversi esponenti del governo italiano. Nel corso delle prossime settimane sono infatti in agenda una visita del ministro dell’interno Matteo Salvini e finalmente un vertice tra il premier Giuseppe Conte e Vladimir Putin.

La Libia è stato il tema centrale dell’incontro fra Moavero e Lavrov. Nonostante l’appoggio italiano al governo di Tripoli e quello di Mosca al governo avversario di Tobruk, sul dossier libico Moavero Milanesi e Lavrov hanno trovato diversi punti d’intesa. In particolare sulla necessità di un accordo fra tutte le forze in campo prima di fissare le elezioni in Libia, la posizione italiana coincide con quella di Mosca. Con a fianco la Russia, l’Italia avrebbe così maggior peso al tavolo dei negoziati previsto per novembre in Sicilia, mentre la Francia, l’altro attore protagonista nel paese mediorientale spinge per un voto in tempi stretti. 

Durante la visita del Ministro degli Esteri italiano si è ribadita anche l’importanza della cooperazione bilaterale e dei rapporti economici fra i due paesi. Nonostante le sanzioni, infatti, hanno segnalato Moavero Milanesi e Lavrov durante la conferenza stampa, l’interscambio commerciale dà segnali positivi.

A Mosca, Moavero ha ribadito la posizione italiana sulle sanzioni anti-russe. Le ragioni delle sanzioni imposte dall’Unione Europea alla Russia possono essere eliminate, sostiene Roma e il ministro degli esteri nella conferenza stampa a margine dell’incontro con Sergej Lavrov lo ha ribadito. “Riteniamo ovvio che le cause delle misure sanzionatorie possano essere eliminate. Stiamo lavorando in questa direzione con l’obiettivo di ripristinare completamente tutti i meccanismi di cooperazione tra i nostri paesi” – ha affermato il capo della diplomazia italiana.

Ristabilire le ottime relazioni che intercorrevano tra Mosca e Roma prima delle sanzioni seguite all’annessione russa della Crimea è l’obiettivo di Matteo Salvini e Giuseppe Conte nei loro prossimi viaggi in Russia. Vladimir Putin, tuttavia, raffredda gli entusiasmi. Il Cremlino ha infatti annunciato che la partecipazione del Presidente della Federazione russa alla conferenza di Palermo per il momento “non è in agenda”. 

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.