Uno dei narcos più ricercati in Spagna riappare in un video di reggaeton

Pubblicato il 7 ottobre 2018 alle 6:00 in Europa Spagna

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Fonti della Udyco, la Unidad de Droga y Crimen Organizado, hanno confermato al quotidiano spagnolo El Mundo che Francisco Tejón ‘Isco’, uno dei capi del clan di narcotrafficanti ‘Los Castañitas’, apparirebbe nelle immagini di un video clip del cantante Clase A. Nel video si possono vedere alcune delle immagini delle orge che organizzavano in una delle ville che la rete criminale possiede nel sud della Spagna.

Va ricordato che ‘Isco’ è ricercato dal 2016 ed è in fuga dallo scorso giugno, quando fu arrestato suo fratello Francisco. La polizia iberica ipotizza che finora sia rimasto nascosto tra il Marocco e Gibilterra, o ad ogni modo al di fuori del territorio spagnolo, per evitare di essere arrestato. Suo fratello, trasferito in una prigione di Córdoba, è ancora in attesa di essere processato.

L’Unità Antidroga spagnola spiega che il fatto più assurdo della vicenda è che “non ha paura di essere catturato, oppure sa di essere ben nascosto, visto che non ha paura di mostrarsi in un video di dominio pubblico”.

Inoltre, secondo quanto dichiarato dalle fonti, l’incidente avvenuto pochi giorni fa, quando la polizia ha rinvenuto nella città di Algeciras il corpo di un noto boss di un clan valenziano, non avrebbe alcun collegamento con il clan ‘Los Castañitas’.

In ogni caso, la comparsa sui social network di ‘Isco’, con oltre 40.000 visualizzazioni su YouTube, ha messo ancora una volta sotto i riflettori internazionali il clan radicato a La Línea de la Concepción, comune spagnolo confinante con Gibilterra, dove si trova la zona di frontiera tra Spagna e Regno Unito.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.