Il Cosmo riavvicina Russia e USA

Pubblicato il 16 settembre 2018 alle 6:00 in Russia USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Russia e gli Stati Uniti hanno avviato negoziati per continuare a portare equipaggi  misti di astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale, dopo che la nuova navicella spaziale americana verrà inaugurata, ha dichiarato ai giornalisti Pavel Vlasov, capo del Cosmonauts Training Center intitolato a Gagarin.

“In questo momento stiamo discutendo la possibilità volare con equipaggi misti. Sarebbe a dire che gli astronauti della NASA continueranno a volare sulle nostre Soyuz e i nostri cosmonauti sulle navicelle della NASA” – ha dichiarato Vlasov, secondo il quale ciò aumenterà l’affidabilità delle missioni della Stazione Spaziale Internazionale in caso di ritardi nei lanci.

Al momento, la Russia è l’unico paese che porta gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale. Dopo la chiusura del progetto Space Shuttle nel 2011, infatti, gli Stati Uniti hanno rinunciato temporaneamente all’accesso autonomo allo spazio. I voli degli astronauti americani verso la Stazione Spaziale Internazionale vengono effettuati da alcuni anni solo sulle navi russe Soyuz, si prevede, tuttavia, che Boeing e SpaceX, autori del nuovo programma spaziale USA, effettueranno la prima missione con equipaggio per la fine del 2018 o a metà 2019, le date esatte non sono state ancora determinate.

Le dichiarazioni di Vlasov pongono termine alle polemiche sorte per un incidente sulla Soyuz MS-09, sul cui scafo sono comparsi dei fori. Dopo uno scambio di accuse, le agenzie spaziali di Mosca e Washington hanno concordato di interrompere i comunicati stampa e di lavorare congiuntamente alla ricerca di una soluzione.

Frattanto, i capi dell’Agenzia Spaziale Russa  Roskosmos e della NASA, Dmitrij Rogozin e Jim Brandenstein durante una teleconferenza hanno concordato di tenere il primo incontro personale 10 ottobre presso il cosmodromo di Bajkonur in Kazakistan. Lo ha reso noto giovedì 13 settembre l’ufficio stampa della Roskosmos.

“I direttori della Roskosmos e della NASA hanno deciso di tenere il primo incontro personale il 10 ottobre prossimo al cosmodromo di Bajkonur in occasione della visita in Russia e Kazakistan del direttore della NASA per partecipare alle attività legate al volo verso la Stazione Spaziale Internazionale del cosmonauta russo Alexej Ovchinin e dell’astronauta statunitense Nick Haig sul veicolo spaziale con equipaggio Soyuz MS-10” –  si legge nella nota della Roskosmos

Il lancio della Soyuz MS-10 è previsto per l’11 ottobre dalla prima rampa di lancio del cosmodromo di Bajkonur.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.