Francia: ucciso uno dei capi dell’ISIS nel Grande Sahara in Mali

Pubblicato il 28 agosto 2018 alle 12:09 in Francia Mali

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Francia ha annunciato di aver ucciso uno dei leader terroristi affiliati all’ISIS nell’Africa occidentale, in un’operazione condotta in Mali, in cui sono morti altri miliziani e 2 civili.

Secondo il comunicato del Ministero della Difesa francese, si tratta di Mohamed Ag Almouer, uno dei capi dell’ISIS in the Greater Sahara (ISIS-GS), ISIS nel Grande Sahara, designata un’organizzazione terroristica dagli Stati Uniti nel maggio 2018 e ritenuta responsabile delle imboscate contro i soldati americani in Niger avvenute lo scorso ottobre. Tale gruppo è stato formato nel maggio 2015, quando il suo leader supremo, Asnan Abu Walid al-Sharawi ha giurato fedeltà allo Stato Islamico, che ha accettato la sua affiliazione nell’ottobre 2016.

In Africa, in particolare nella regione del Sahel, i gruppi jihadisti costituiscono la principale minaccia per la sicurezza. Spesso, le loro azioni mirano a provocare tensioni locali tra i gruppi etnici per diffondere malcontento, come nel caso dei tuareg e dei fulani. Tra maggio e aprile 2012, gruppi jihadisti legati ad Al-Qaeda avevano assunto il controllo del Mali settentrionale, ma successivamente erano stati cacciati dall’area a seguito di un intervento militare, lanciato il 10 gennaio 2013 su iniziativa della Francia e conosciuto con il nome di “Opération Serval”. Dal 2015, gli attacchi si sono diffusi nel Mali centrale e meridionale nonché nei Paesi confinanti, in particolare Burkina Faso e Niger, fino a toccare la Costa d’Avorio.

Il Mali fa parte del G5-Sahel, un forum istituzionale fondato il 16 febbraio 2014 a Nouakchott, in Mauritania, per la cooperazione regionale in materia di politiche di sviluppo e sicurezza nell’Africa occidentale. Il suo scopo è quello di rafforzare i legami economici tra i Paesi africani e combattere la minaccia terroristica dei gruppi jihadisti attivi nella regione. Nel febbraio 2017 è stata lanciata l’iniziativa G5-Sahel Force, una forza multinazionale volta a sconfiggere i gruppi armati di quelle aree e contrastare la crescita dell’estremismo. Il presidente francese, Emmanuel Macron, è uno dei principali sostenitori del G5 Sahel.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.