Immigrazione: Germania rimanderà in Grecia alcuni migranti

Pubblicato il 18 agosto 2018 alle 9:00 in Europa Immigrazione

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Berlino ha raggiunto un accordo con Atene per rimandare in Grecia i migranti che hanno già fatto richiesta di asilo in territorio greco, secondo quanto comunicato venerdì 17 agosto da Eleonore Petermann, la portavoce del Ministero degli Interni tedesco.

La notizia è stata diffusa durante una conferenza stampa dalla Petermann, che ha aggiunto di non poter divulgare ulteriori dettagli prima della firma ufficiale dell’accordo. Tuttavia, la portavoce ha specificato che, come per il patto firmato con la Spagna, anche quello con Atene riguarderà i migranti che entrano in Germania attraverso il confine tedesco con l’Austria. Inoltre, Berlino potrà rimandare i rifugiati in Grecia nel giro di 48 ore. Probabilmente, in cambio, il governo tedesco aiuterà la Grecia come ha fatto con la Spagna, alla quale ha promesso aiuti per limitare il numero di migranti che attraversano il Mediterraneo partendo dal Marocco.

L’8 agosto, la Germania aveva stretto con la Spagna un accordo simile a quello con la Grecia. Entrambi i patti sono stati creati in seguito alla disputa tra la cancelliera tedesca, Angela Merkel, e i suoi alleati bavaresi, in particolare con il ministro degli Interni tedesco, Horst Seehofer. A giugno, una disputa tra l’uomo e la Merkel aveva quasi messo fine al governo della cancelliera. Seehofer voleva cominciare a respingere ai confini della Germania tutti i migranti che si erano già registrati altrove in Unione Europea, una politica alla quale la Merkel si era fortemente opposta.

La portavoce del Ministero degli Interni tedesco ha aggiunto che il governo è al momento in trattative “molto avanzate” per stringere un patto simile con il governo italiano, accordo che, secondo la Petermann, verrà raggiunto. Tuttavia, si teme che il ministro degli Interni italiano, Matteo Salvini, si opponga alla necessità di scendere a compromessi; in quel caso, la Merkel ha comunicato che sarebbe disposta a visitare l’Italia per negoziare di persona, se necessario.

Secondo Reuters, non saranno molti gli immigrati che verranno colpiti dagli accordi stretti dalla Germania. Secondo i dati del Ministero degli Interni tedesco, risalenti alla prima settimana di agosto, dalla metà di giugno del 2018 sono state circa 150 le persone che avevano già fatto richiesta di asilo in un altro Paese dell’Unione Europea e che sono state scoperte nel tentativo di entrare in Germania dall’Austria.

Più di 1.6 milioni di migranti sono arrivati in in territorio tedesco dalla metà del 2014, provocando tensioni e portando avanti il partito di estrema destra Alternativa per la Germania al Parlamento nazionale. Nel 2015, la Merkel decise di accogliere centinaia di migliaia di richiedenti asilo come necessità umanitaria, ma in seguito ha deciso di prevenire la replica di tali flussi migratori.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione a cura di Chiara Romano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.