Firmata la Convenzione sullo status del Mar Caspio

Pubblicato il 14 agosto 2018 alle 6:02 in Asia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I cinque leader dei paesi del Caspio hanno firmato ad Aqtau, in Kazakistan, la Convenzione sullo status giuridico del Mar Caspio: un documento storico su cui i cinque paesi hanno lavorato e trattato per oltre vent’anni, dal 1996 allo scorso 12 agosto.

Dopo l’ultimo vertice dei ministri degli esteri si è riunito il summit dei capi di stato, al termine del quale si è svolta la  cerimonia della firma della Convenzione, siglata dal presidente russo Vladimir Putin, dal presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev, dal presidente del Turkmenistan Gurbanguly Berdimuhamedov, dal presidente del Kazakistan, Nursultan Nazarbayev e dal presidente dell’Iran Hassan Rouhani.

 Vladimir Putin ha definito il vertice dei “cinque del Caspio” un incontro con di “valore epocale”.

“Preparata nel corso di negoziati durati più di 20 anni, la Convenzione sullo status giuridico del mar Caspio sancisce il diritto esclusivo e di responsabilità dei nostri paesi per il destino del mar Caspio, stabilisce regole chiare la condivisione da parte di tutti e cinque i paesi del bacino e delle sue risorse” – ha dichiarato Vladimir Putin al termine vertice.

Putin ha sottolineato che il documento è stato sviluppato sulla base del consenso di tutti e cinque i paesi. “È importante che la convenzione regolamenti in modo chiaro le questioni necessarie per le demarcazioni delle acque territoriali e dei diritti di esplorazione, le modalità di navigazione e di pesca, fissi i principi politico-militari di interazione fra i nostri paesi, garantisca l’utilizzo del mar Caspio esclusivamente per scopi pacifici” – ha sottolineato il presidente russo.

“Il successo, ed è certamente un successo, è stato in gran parte possibile grazie all’elevato livello di fiducia e comprensione tra i leader degli stati del Caspio, pronti sempre ad agire in una logica di rispetto, collaborazione e uguaglianza – ha commentato il leader del Cremlino secondo quanto riferisce l’ufficio stampa della Presidenza della Federazione russa – Vorrei esprimere il mio apprezzamento per tutto il lavoro svolto davanti a tutti i capi di stato qui presenti. Questo approccio collettivo in pratica ha dimostrato la sua efficacia e la concretezza delle scelte prese dimostra che gli sforzi congiunti possano raggiungere qualsiasi obiettivo, anche  ambizioso, da risolvere il più complesso dei problemi, trovare un compromesso e soluzioni equilibrate che soddisfino gli interessi comuni”.

Putin ha sottolineato, infine, che “nelle difficili condizioni internazionali di oggi, raggiungere accordi come questo è difficile”. Secondo il presidente russo, la firma della convenzione si apre una nuova fase nelle relazioni tra gli stati del Caspio e permette insieme per garantire prosperità e sviluppo dinamico in uno spazio comune.

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.