“Dividere la Russia in più paesi”: la bizzarra proposta del deputato lettone

Pubblicato il 30 luglio 2018 alle 21:00 in Europa Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il deputato del parlamento lettone Alexandrs Kirsteins ha dichiarato la necessità di “dividere la Russia in più parti”. La bizzarra proposta del politico è apparsa pochi giorni fa sul suo account Twitter.

Secondo Kirsteins, tale misura sarebbe “necessaria per la pace” del suo paese e di tutta l’Europa.

“Solo quando la Russia sarà divisa in paesi più piccoli, in base alla composizione etnica, i conflitti militari finiranno e in Europa inizierà un lungo periodo di pace!”, scrive il deputato sul suo profilo.

Così il politico ha commentato la pubblicazione dedicata allo scrittore Vladimir Voinovich, che ha offerto una versione estremista dell’inno dell’Unione Sovietica.

Voinovich è morto il 28 luglio di un attacco cardiaco all’età di 85 anni.

La Lettonia non è affatto estranea a dichiarazioni anti-russe. Tuttavia, diversi politici lettoni sottolineano che l’attuale situazione delle relazioni tra Riga e Mosca, peggiorata per colpa della Lettonia, porta soltanto perdite nel paese baltico.

Quando si parla di Lettonia si è soliti associarla ai suoi vicini baltici e alla Polonia, a causa della sua postura europeista e fortemente intransigente nei confronti della Federazione. Questa è stata e continua ad essere, di fatto, una costante nella politica estera del paese baltico. Le relazioni con Mosca sono storicamente tese e Riga guarda con timore alla politica estera di Vladimir Putin.

Il tema principale sul quale i due paesi spesso si scontrano non raggiungendo una posizione comune al riguardo è rappresentato dal rapporto tra la maggioranza etnica lettone e la minoranza russofona.

La Lettonia è l’ex repubblica sovietica che presenta la percentuale più alta di cittadini di etnia russa, circa il 25%, mentre il russo è parlato come lingua madre da circa il 36% della popolazione. Russi e russofoni, dunque, rappresentano minoranze ragguardevoli in molte delle principali città, specialmente in una delle quattro regioni storico-culturali in cui è suddiviso il paese baltico, la Legallia, situata nella parte orientale del territorio a nord del fiume Daugava.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e dall’inglese e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.