Elezioni in Pakistan: chiusi i seggi, continuano le violenze

Pubblicato il 25 luglio 2018 alle 20:03 in Asia Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La giornata di elezioni in Pakistan si è conclusa con un bilancio di almeno 31 morti e più di 20 feriti a causa di un’esplosione avvenuta nei pressi di un seggio elettorale a Quetta, nella provincia del Belucistan. 

Secondo il quotidiano The Dawn, tra le vittime figurano alcuni ufficiali di polizia e alcuni civili. Almeno 8 dei feriti sono in condizioni critiche. L’ispettore della polizia di Quetta, Mohsin Butt, ha dichiarato che potrebbe essersi trattato di un attentatore suicida. L’esplosione è avvenuta vicino a una scuola di Quetta, dove erano in corso le votazioni, secondo il vicepremier, Aitzaz Ahmed Goraya. Le votazioni in tale seggio sono state interrotte. Secondo i dati diffusi dalla Commissione elettorale pakistana (ECP), un totale di 3.459 candidati, 1623 dal Punjab, 824 dal Sindh, 725 da Khyber Pakhtunkhwa e 287 dal Belucistan, sono stati autorizzati a correre per i 272 seggi generali dell’assemblea nazionale. Tuttavia, le elezioni in due collegi elettorali sono state poi rimandate dalla Commissione. Un singolo partito dovrà vincere in almeno 137 seggi per poter formare il governo da solo. I risultati degli scrutini non sono ancora disponibili. Nel caso in cui un partito non sia in grado di ottenere una maggioranza semplice, rimane la possibilità di creare un governo di coalizione. 

Milioni di elettori registrati si sono radunati nei seggi elettorali in tutto il Paese per esprimere il loro voto nelle undicesime elezioni politiche del Pakistan. A metà giornata, il partito conservatore di centro destra, il PML-N, ha inviato una lettera al capo della Commissione elettorale, chiedendo un’estensione di un’ora per le votazioni. “Il PML-N sta facendo questa richiesta in base alla Sezione 70 dell’Elections Act 2017, che autorizza l’ECP a estendere le tempistiche già fissate “, si legge nella lettera, firmata dal senatore Mushahid Hussain. Citando “denunce su larga scala a livello nazionale”, la lettera aggiunge che solo “3-4 persone” possono entrare nel seggio elettorale per volta, rallentando il processo. “Ciò non solo causa disagi agli elettori ma può anche finire per privare le persone del loro diritto di voto”. Anche altri partiti, tra cui il PPP, il PTI e l’Awami Muslim League (AML), hanno richiesto all’ECP di prolungare i tempi delle consultazioni elettorali. L’ECP, dopo aver deliberato, ha respinto le richieste di proroga di un’ora. In un comunicato stampa, la Commissione ha affermato che tutti coloro che erano presenti nei seggi elettorali prima delle 18:00 avrebbero potuto esprimere il loro voto. All’inizio della giornata, prima che i seggi elettorali si aprissero ufficialmente per votare alle 8 del mattino, il quotidiano pakistano riporta di file di cittadini entusiasti fuori dalle loro rispettive stazioni fin da un’ora prima dell’apertura dei seggi. 

Le elezioni pakistane sono state caratterizzate da violenze, ben prima della consultazione elettorale. Nelle 3 settimane prima del voto, circa 179 persone sono state uccise in una serie di attacchi mirati contro le manifestazioni politiche, in tutto il Pakistan. Le offensive si sono concentrate principalmente nelle province occidentali del Belucistan e di Khyber Pakhtunkhwa. Il 22 luglio, un attacco terroristico ad opera dei talebani del Pakistan ha ucciso Ikramullah Gandapur, candidato alle elezioni generali del Paese, nella città di Dera Ismail Khan. L’11 luglio, un candidato del Partito Nazionale Awami, Haroon Bilour, è stato ucciso in un attacco suicida, insieme ad altre 19 persone, dopo una esplosione durante un comizio, nella città di Peshawar. Due giorni dopo, una bomba a Mastung aveva causato 154 vittime durante un raduno politico, diventando il secondo attacco più letale nella storia del Pakistan.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.