Pakistan-Iran: verso una maggiore cooperazione militare

Pubblicato il 19 luglio 2018 alle 6:05 in Iran Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Pakistan e l’Iran si sono impegnati ad approfondire ulteriormente la loro cooperazione militare, a seguito della visita a Islamabad del Capo dello Stato maggiore iraniano, il generale Mohammad Bagheri.

Il generale Bagheri si è recato in visita presso il ministro degli Affari Esteri, Abdullah Hussain Haroon, e poi si è diretto verso il quartier generale dell’Esercito, per un incontro con il capo delle forze armate pakistane, il generale Qamar Bajwa. Secondo quanto riportato dal quotidiano Dawn, il viaggio di 3 giorni dell’alto comandante iraniano è stato di grande importanza, perché gli scambi bilaterali tra Pakistan e Iran sono stati molto rari, a causa della sfiducia reciproca che ha contraddistinto il rapporto tra i due Paesi. 

La divisione degli Affari Pubblici dell’esercito pakistano ha sottolineato le intenzioni del generale Bajwa di intensificare la cooperazione militare tra Islamabad e Teheran e ha osservato che tale cooperazione avrebbe “un impatto positivo sulla pace e la sicurezza nella regione”. Ricambiando l’offerta di Bajwa, il comandante iraniano in visita si è impegnato a “continuare a lavorare per migliorare le relazioni tra i due Paesi fratelli”. Secondo quanto afferma il quotidiano pakistano, si ritiene che generale Bajwa sia l’artefice del miglioramento delle relazioni tra Pakistan e Iran, in particolare nei rapporti militari. Nel novembre del 2017, il generale pakistano si era, a sua volta, recato in Iran, in una visita senza precedenti, volta a preparare il terreno per una migliore cooperazione.

Fonti diplomatiche hanno, inoltre, riferito che la strada per il miglioramento dei rapporti tra le due nazioni non è stata priva di problemi, ma entrambi i Paesi hanno lavorato insieme per superare tali sfide e per far sì che nascesse una cooperazione. Il ministro degli Affari Esteri, Haroon, durante il suo incontro con il comandante iraniano ha espresso il desiderio che il Pakistan rafforzi la cooperazione con l’Iran a vantaggio di entrambi i Paesi, garantendo la pace e la stabilità nella regione. Haroon ha anche apprezzato il sostegno forte e coerente della leadership iraniana sulla questione del Kashmir. 

Poiché il miglioramento delle relazioni militari tra i due Paesi è basato sulla cooperazione per la sicurezza delle frontiere, la discussione sulla gestione del confine tra Pakistan e Iran è stata in cima all’agenda dell’incontro. Un’altra questione chiave all’ordine del giorno è stata la sicurezza regionale. Sempre secondo il quotidiano Down, una delegazione iraniana si trovava già a Islamabad, negli ultimi giorni, per partecipare ad una riunione dei capi dei servizi segreti dei Paesi della regione, che ha coinvolto Pakistan, Russia e Cina. L’incontro si è concentrato sulla minaccia rappresentata dalla crescente minaccia rappresentata dal gruppo dello Stato Islamico in Afghanistan.

Da parte sua, il presidente dell’Afghanistan, Ashraf Ghani, ha dichiarato, durante un incontro nel palazzo presidenziale tenutosi il 18 luglio, che il Paese ha raggiunto un consenso regionale e nazionale per il raggiungimento della pace. Inoltre, l’ex presidente afghano, Hamid Zarkai ha sottolineato la necessità di coinvolgere gli attori regionali, in particolare il Pakistan e della Cina, nel processo di pace del Paese.“La Cina è stata un ottimo amico e un importante vicino dell’Afghanistan. Crediamo fermamente che vi sia molto spazio per la collaborazione e che un ambito di cooperazione più profondo sia quello che stiamo cercando dalla Cina, nell’arena politica. La Cina ha preso alcune iniziative per portare la pace in Afghanistan con un certo successo”, ha aggiunto Karzai. 

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Maria Grazia Rutigliano 

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.