L’Armenia vuole buone relazioni con la Russia e con l’Occidente

Pubblicato il 13 luglio 2018 alle 16:06 in Armenia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’Armenia rimane uno stretto alleato della Federazione russa e spera di sviluppare ulteriormente le relazioni sia con la Russia che con i paesi occidentali. Lo ha annunciato giovedì il primo ministro della repubblica transcaucasica Nikol Pashinyan.

“Resteremo stretti alleati della Russia e speriamo di sviluppare le nostre relazioni con la Russia, così come con la NATO, i paesi occidentali, l’Unione europea e gli Stati Uniti. Non cambieremo radicalmente la nostra politica estera” – ha affermato il primo ministro armeno, ricordando un appello lanciato nell’agosto 2017 dall’allora ministro degli esteri Eduard Nalbandian che aveva affermato “non costringeteci a scegliere” tra Mosca e Washington.

“L’Armenia è un paese partner della NATO, partecipiamo a due missioni della NATO, in Kosovo e Afghanistan, il che ci dà l’opportunità di partecipare attivamente alla sicurezza internazionale, ma siamo anche membri dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva e vediamo l’Armenia in questa organizzazione e in questo sistema di sicurezza” – ha sottolineato Pashinyan.

In precedenza, il primo ministro dell’Armenia dopo la riunione dei capi di stato e di governo dei paesi che partecipano alla missione militare internazionale in Afghanistan, (che ha avuto luogo giovedì 12 luglio a margine del vertice NATO di Bruxelles), aveva affermato che il paese continuerà a partecipare alla missione e di “promuovere gli sforzi internazionali nel campo della pace e della sicurezza”.

Lo scorso 29 giugno, ricevendo il ministro della cultura russo Vladimir Medinskij in occasione del VII forum russo-armeno, Pashinyan aveva affermato che Erevan è intenzionata a mantenere e sviluppare le relazioni con Mosca. “Siamo interessati a sviluppare relazioni dinamiche forti e dinamiche con la Russia, il nostro obiettivo è quello di approfondire le relazioni bilaterali e avere rapporti più stretti” – aveva affermato il premier armeno secondo un comunicato del servizio stampa del governo di Erevan.

Vladimir Medinskij a sua volta aveva espresso la speranza che il VII forum russo-armeno che ha avuto luogo a Erevan possa dare un nuovo impulso alla cooperazione bilaterale tra i paesi nelle sfere dell’economia, della cultura, degli aiuti umanitari e in altri ambiti. Medinskij ha anche suggerito di prendere in considerazione la possibilità di creare un’alleanza volta a sviluppare legami commerciali tra i due paesi a livello regionale. 

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.