Ministero Esteri russo risponde alle accuse di Londra su avvelenamento ad Amesbury

Pubblicato il 10 luglio 2018 alle 15:00 in Russia UK

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministero degli Esteri della Federazione Russa ha risposto alle accuse del ministro della Difesa britannico sull’incidente accaduto ad Amesbury, esortando la controparte britannica a indagare invece di puntare il dito contro la Russia.

“Gavin Williamson sostiene che la Russia sia coinvolta nella morte di Dawn Sturgess. A noi sembra semplicemente il solito vecchio mantra “sono stai i russi” (#russiansdidit). Sarebbe bello se poteste farvi venire in mente qualcosa di nuovo. Che ne dite ad esempio di un’indagine approfondita?”, si legge in un Tweet del Ministero degli Esteri russo.

Il ministro della Difesa britannico Gavin Williamson ha di fatto accusato la Russia di essere coinvolta nella morte di una cittadina britannica ad Amesbury lo scorso 30 giugno. “La realtà è che la Russia ha condotto un attacco su suolo britannico che ha portato alla morte di un cittadino britannico”, ha dichiarato il ministro, non fornendo, tuttavia, alcuna prova delle sue affermazioni.

Nella mattina del 4 luglio, la polizia britannica ha riferito di un “grave incidente” ad Amesbury, nel Wiltshire, in cui due persone “sono state esposte a una sostanza sconosciuta” e sono state ricoverate in ospedale in condizioni critiche. Successivamente, Scotland Yard ha confermato che l’uomo e la donna sono stati avvelenati con la stessa sostanza con cui furono avvelanti Sergej Skripal e sua figlia Julia. Domenica scorsa, Dawn Sturgess, di 44 anni, è deceduta presso l’ospedale del distretto di Salisbury. Secondo quanto riferito dal personale sanitario, il quarantacinquenne Charlie Rowley, anch’egli coinvolto nell’incidente, rimane in condizioni critiche

Il portavoce presidenziale Dmitrij Peskov ha affermato che è un’assurdità “trascinare la Russia nel caso Amesbury”. Allo stesso tempo, l’addetto stampa dell’ambasciata russa nel Regno Unito ha riferito a RIA Novosti che Mosca prenderà seriamente in considerazione gli incidenti di Salisbury e Amesbury come mere provocazione anti-Russia e ha esplicitamente richiesto alla controparte britannica di fornire accesso alle indagini.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e dall’inglese e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.