Russia: Salvini a Mosca domenica 15 luglio

Pubblicato il 9 luglio 2018 alle 21:00 in Italia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il vicepremier e ministro degli Interni italiano, Matteo Salvini, ha confermato la propria intenzione di voler recarsi presto a Mosca, possibilmente già domenica 15 luglio, quando oltre ad assistere alla finale dei Mondiali di Calcio di Russia 2018, dovrebbe incontrare il suo omologo russo, Vladimir Kolokol’cev, e il presidente della Federazione russa Vladimir Putin.

“Se riuscirò, domenica partirò per una missione politico-calcistica. Sfrutterò, se possibile, l’opportunità di andare a Mosca per la finale dei Mondiali – ha dichiarato il vicepremier, aggiungendo scherzosamente: “Mi auguro solo che non vinca nessuna squadra che è passata alle semifinali”.

“Poi ho intenzione di incontrare il ministro dell’Interno russo per coordinare le azioni contro il terrorismo islamico, che sembra essere sconfitto, ma in realtà non è così, ed ho inoltre intenzione di incontrare Putin: persone come lui che hanno a cuore gli interessi dei suoi cittadini, in Italia ci servirebbero a dozzine” – ha affermato Salvini durante un incontro con i suoi sostenitori trasmesso sulla sua pagina Facebook.

In precedenza Salvini aveva già espresso il desiderio di recarsi a Mosca per la finale dei Mondiali. Aveva osservato che voleva combinare l’evento calcistico con gli impegni politici ufficiali. Secondo lui, è stato invitato a recarsi in Russia da membri del governo della Federazione.

“Riguardo la lotta contro il terrorismo è fondamentale coinvolgere la Russia, vorrei cercare di avere un incontro ufficiale sull’immigrazione e il terrorismo” — aveva dichiarato Salvini ad un ricevimento presso l’ambasciata degli Stati Uniti a Roma la scorsa settimana in occasione della festa dell’indipendenza statunitense del 4 luglio.

Né il ministero dell’interno russo, né il Cremlino hanno tuttavia finora confermato vertici tra le autorità russe e il vicepremier italiano. 

Finora i mondiali si sono rivelati un vero e proprio successo diplomatico per la Russia. L’immagine del paese all’estero è molto migliorata, soprattutto grazie all’accoglienza riservata alle tifoserie straniere. Putin e Medvedev, inoltre, hanno ricevuto decine di capi di stato e di governo, nonché il segretario generale dell’ONU Guterres, superando così i timori di boicottaggio da parte delle autorità straniere seguito al caso Skripal’. In seguito all’avvelenamento della ex spia russa a Salisbury la Gran Bretagna ha deciso di non inviare in Russia figure di alto profilo. Tra i paesi partecipanti, solo l’Islanda si è accodata alla decisione inglese.

 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e dall’inglese e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.