Cina: esercitazioni militari vicino all’isola di Taiwan

Pubblicato il 26 giugno 2018 alle 19:00 in Asia Cina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Una formazione di navi da guerra cinesi sta svolgendo esercitazioni militari dal 17 giugno nelle acque al largo dell’isola di Taiwan, secondo quanto riportato, martedì 26 giugno, dalla rivista specialistica dell’esercito cinese 81.cn.

“Le esercitazioni militari, includendo la partecipazione della fregata 054A e del cacciatorpediniere 052C, hanno l’obiettivo di testare le abilità militari delle navi da guerra, dell’aviazione e delle truppe costiere di difesa”, si legge nella rivista 81.cn.

La Repubblica Popolare Cinese considera l’isola di Taiwan come una sua provincia e non è disposta a concederle una formale indipendenza. Al contrario, per riaffermare il principio One China Policy, secondo il quale gli Stati che desiderano intrattenere rapporti diplomatici e commerciali con la Cina non possono riconoscere l’indipendenza dell’isola di Taiwan, la Repubblica Popolare Cinese ha avviato una serie di esercitazioni militari nello Stretto di Taiwan.

L’atteggiamento più assertivo cinese ha spinto il governo di Taiwan ad annunciare all’inizio dell’anno un incremento del budget per la difesa dell’isola, con l’obiettivo di dotarsi di armamenti tecnologicamente avanzati in grado di fungere da deterrente nei confronti di Pechino. “Le armi di cui Taiwan ha maggiormente bisogno sono i sottomarini, i jet da guerra ed i sistemi di difesa anti-missili balistici”, ha dichiarato Ian Easton, ricercatore americano presso il Project 2049 Institute.

Le esercitazioni militari cinesi, inoltre, giungono in un momento di particolare tensione tra Pechino e Washington, aggravato sia dalla decisione del presidente Trump di imporre dazi su alcuni prodotti di importazione cinese per un valore pari a 50 miliardi di dollari sia dalla scelta americana di aprire una nuova ambasciata de facto sull’isola di Taiwan.

Il 12 giugno gli Stati Uniti hanno inaugurato l’Istituto Americano di Taiwan alla presenza della presidentessa del governo dell’isola, Tsai Ing Wen. Il vicesegretario di Stato statunitense per gli Affari Educativi e Culturali, Marie Royce, ha descritto l’AIT come un simbolo tangibile del legame fra Washington e Taipei, che consentirà una maggiore cooperazione Stati Uniti e Tiawan negli anni a venire. “Come democrazie libere e aperte, abbiamo il dovere di collaborare per difendere i nostri valori e proteggere i nostri interessi comuni”, aveva dichiarato la presidentessa dell’isola, nel corso della cerimonia di apertura.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Alice Barberis

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.