Corea del Nord continuerà ad ignorare il Giappone

Pubblicato il 25 giugno 2018 alle 19:50 in Corea del Nord Giappone

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il governo della Corea del Nord ha dichiarato di voler continuare ad ignorare il Giappone fino a quando il governo di Tokyo non porrà fine alle ostilità nei confronti di Pyongyang, rappresentate dalle esercitazioni militari giapponesi e dagli sforzi di rafforzare la prontezza del proprio esercito.

Il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, spera nella possibilità di un incontro diretto con il leader della Corea del Nord, Kim Jong Un, tuttavia, nonostante i summit tenuti da Pyongyang con i principali esponenti dei governi di Corea del Sud, Cina e Stati Uniti, il leader Kim non sembra ancora intenzionato a fissare una data per incontrare la controparte giapponese.

“Se il Giappone non correggerà le proprie ambizioni in merito alla pace e alla sicurezza, comprenderà che il risultato finale consisterà nell’essere ignorato da Pyongyang. Il governo di Tokyo dovrebbe porre fine alle politiche ostili nei confronti della Corea del Nord, dimostrando la propria sincerità nei confronti del processo di pacificazione della Corea”, si legge in un articolo di KCNA.

Il governo di Tokyo ha annunciato di voler sospendere le esercitazioni militari a seguito dell’esito positivo del summit svoltosi il 12 giugno a Singapore tra il presidente Trump e il leader Kim Jong Un. Al termine dell’incontro, i due leader si sono accordati per lavorare congiuntamente alla completa denuclearizzazione della penisola coreana.

La decisione di Tokyo è stata presa anche a seguito dell’annuncio della sospensione delle esercitazioni militari congiunte tra Stati Uniti e Corea del Sud. “A sostegno degli esiti del summit di Singapore e in coordinazione con il nostro alleato, la Corea del Sud, il segretario della Difesa, James Mattis, ha sospeso fino a data da destinarsi alcune esercitazioni, incluse Freedom Guardian e 2 operazioni di addestramento del programma di scambio con la Marina coreana, pianificate per i prossimi 3 mesi” aveva chiarito la portavoce del Pentagono, Dana White, aggiungendo che ulteriori sospensioni a tali esercitazioni avverranno in base alla produttività delle trattative con la Corea del Nord.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale

Alice Barberis

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.