Messico: ucciso un candidato sindaco nello stato di Michoacán

Pubblicato il 16 giugno 2018 alle 6:07 in America Latina Messico

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Alejandro Chávez Zavala era il candidato sindaco di Taretan del Frente, l’alleanza che riunisce i conservatori del Partido de Acción Nacional, la sinistra del Partido de la Revolución Democrática e i socialdemocratici del Movimiento Ciudadano. Chávez Zavala è stato ucciso a colpi di pistola giovedì 14 giugno, secondo le informazioni rese pubbliche dal governo dello stato di Michoacán, nel sud del Messico. 

Con l’omicidio del candidato sindaco di Taretan, sono 112, secondo i dati delle autorità, i politici uccisi nel corso della campagna elettorale che culminerà con il voto presidenziale, legislativo e amministrativo del prossimo 1 luglio. Dati in linea con l’ondata di violenza che attraversa il Messico negli ultimi mesi, e che ha fatto del 2017 l’anno più violento e sanguinoso della storia del paese.

Chávez Zavala è stato attaccato intorno all’una del pomeriggio nella comunità di La Florida, mentre stava prendendo parte ad un evento di campagna elettorale. Le autorità dello stato di Michoacán non hanno fornito i dettagli dell’aggressione da parte di un presunto gruppo armato, ma hanno confermato che il candidato è morto dopo essere stato ferito e aver ricevuto cure mediche in un vicino ospedale. “A Taretan abbiamo avviato un’operazione di polizia per trovare i responsabili degli eventi che si sono verificati” – ha affermato il Segretario di Stato per la sicurezza, che ha dichiarato che lo schieramento delle forze di sicurezza riguarda non solo il comune di Taretan, ma anche le comunità e le località vicine.

Sánchez era il sindaco uscente di Taretan, un piccolo comune di circa 15.000 abitanti situato a poco più di 100 chilometri da Morelia, la capitale dello stato, e correva per la rielezione. La coalizione – composta dal Partito di Azione Nazionale, conservatore (PAN), dal Partito della Rivoluzione Democratica, socialista (PRD) e dal socialdemocratico Movimiento Ciudadano – ha condannato l’attacco contro il suo portabandiera. 

“Non riposeremo finché non troveremo i responsabili di questi atti riprovevoli, in cui anche la moglie è stata ferita” – ha scritto il governatore Silvano Aureoles sul suo account Twitter. “Nessun atto che attenti contro l’integrità dello stato di Michoacán deve rimanere impunito” – ha aggiunto Aureoles, che appartiene al PRD. “Con grande indignazione condanno l’assassinio del nostro candidato a sindaco di Taretán e faccio appello alle autorità per chiarire i fatti e punire i colpevoli” – ha dichiarato sui social network Damián Zepeda, presidente nazionale del PAN, la formazione di cui Chávez Zavala era membro.

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.