Immigrazione: Save the Children denuncia 2.400 minori soli irreperibili

Pubblicato il 15 giugno 2018 alle 16:30 in Immigrazione Italia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Salve the Children ha pubblicato venerdì 15 giugno la seconda edizione dello “Atlante dei minori stranieri non accompagnati – Crescere lontano da casa”, il report che fotografa la situazione di questi bambini dopo l’arrivo Italia. Il report è stato diffuso pochi giorni dalla Giornata mondiale del rifugiato che si celebra il 20 giugno. Secondo l’ONG, nel 2017 sono stati 18.300 i minori non accompagnati ospitati nel sistema di accoglienza in Italia. Circa la metà di loro si trova in Sicilia, precisamente il 43% e solo il 3% è in affido. Oltre 1.200 di loro hanno meno di 14 anni. I minori non reperibili nel 2017 sono stati più di 2.400, sul totale di oltre 15.770 arrivati nel corso dell’anno.

I minori stranieri non accompagnati, secondo l’organizzazione, rappresentano una presenza costante e significativa sul totale degli arrivi dei migranti via mare in Italia, con una percentuale superiore al 13% nel 2016 e 2017, salita fino al 15% nel 2018. L’83,7% dei minori che sbarcano in Italia ha 16 e 17 anni, ma tra loro ci sono anche gruppi particolarmente vulnerabili come i piccolissimi, le ragazze e gli irreperibili. I minori sotto i 14 anni sono 1.229, pari al 6,7% dei presenti, di cui 116, cioè lo 0,6%, hanno meno di 6 anni. Save the Children specifica che le ragazze presenti sono 1.247, cioè 6,8% del totale, e provengono per il 60% da soli due Paesi, Nigeria ed Eritrea. Queste ragazze sono esposte al rischio di tratta degli esseri umani e di violenza sessuale. 191 di loro sono ancora bambine che raggiungono al massimo i 14 anni, nel caso del 15% del totale delle ragazze ospitate. Quasi la metà dei minori accolti proviene da soli 5 Paesi: Gambia (2202, 12%), Egitto (1807, 9,9%), Guinea (1752, 9,6%), Albania (1677, 9,6%) ed Eritrea (1459, 8%).
Dei 2.400 minori irreperibili sbarcati nel corso del solo 2017, uno su sei è di cittadinanza guineana, ivoriana o somala. Nella maggior parte dei casi, i minori vorrebbero raggiungere altri Paesi europei, spesso per ricongiungersi a familiari o amici. Questi bambini sono di fatto transitanti che cercano di rendersi “invisibili” al sistema di identificazione ed espulsione italiano. Dopo essersi allontanati dalle strutture di accoglienza, esposti a isolamento e pericoli, hanno l’intenzione di attraversare da soli il confine tra l’Italia e il resto d’Europa, a Ventimiglia, a Chiasso o al Brennero. Save the Children spiega vengono spesso respinti a queste frontiere, anche se manifestano l’evidente intento di richiedere protezione internazionale.

La normativa generale di riferimento relativa ai MSNA è regolata dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti del Fanciullo del 1989, la quale definisce fanciullo “ogni essere umano avente un’età inferiore a diciott’anni, salvo se abbia raggiunto prima la maturità in virtù della legislazione applicabile”. Nel contesto dell’immigrazione nell’Unione Europea, un MSNA viene definito dalla Direttiva 2011/55/EU come “un minore che arriva nel territorio di uno Stato membro dell’UE da solo, o che viene abbandonato dopo essere entrato nel territorio dell’Unione”. Oltre ai bambini che viaggiano completamenti soli, la definizione si applica anche a quelli affidati a parenti entro il quarto grado che non ne siano tutori o affidatari in base ad un provvedimento formale, rendendo quindi i minori privi di rappresentanza legale in base alla legge italiana.

A livello europeo, il 6 maggio 2010, l’UE ha adottato il Piano di Azione sui minori non accompagnati, promuovendo un approccio comune tra tutti i paesi membri basato sul principio dell’interesse superiore del minore e contenente tre linee di azione. La prima mirava a prevenire l’immigrazione illegale e il traffico di esseri umani, la seconda proponeva di istituire garanzie di accoglienza in tutta l’UE, mentre la terza promuoveva l’identificazione di soluzioni a lungo termine. L’obiettivo finale del piano era quello di far sì che ogni MSNA venisse messo sotto la protezione delle autorità competenti, preferibilmente per almeno 6 mesi, non appena approdato nei territori dell’Unione.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano interamente dedicato alla politica internazionale.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.