NATO: via a riunione ministri Interni a Bruxelles

Pubblicato il 7 giugno 2018 alle 11:00 in Europa NATO

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha dato un’anteprima sull’incontro dei ministri della Difesa della NATO che inizierà giovedì 7 giugno, il primo a svolgersi nella nuova sede dell’alleanza atlantica a Bruxelles, in occasione di una conferenza stampa di mercoledì 6 giugno. I ministri dei Paesi membri dovranno prendere una serie di decisioni sulla struttura di comando della NATO e sulla prontezza militare dell’alleanza, discutere i piani per una missione di addestramento in Iraq, riesaminare i progressi nell’aumento delle spese per la difesa di ogni Stato membro e una migliore condivisione degli oneri all’interno dell’alleanza atlantica. I leader discuteranno anche della cooperazione NATO-UE e terranno una riunione sulla missione di addestramento Resolute Support in Afghanistan.

Per quanto riguarda le modifiche da apportare alla struttura di comando, il segretario generale ha annunciato che si aspetta un aumento di oltre 1.200 dipendenti. Inoltre, Stoltemberg auspica che ci sarà accordo che il nuovo Comando della Forza congiunta per l’Atlantico avrà sede a Norfolk, negli Stati Uniti, e che il nuovo Comando abilitante avrà sede a Ulm, in Germania. Sottolineando che “l’alta disponibilità ad agire sotto l’egida della NATO è essenziale in un mondo sempre più imprevedibile”, il segretario generale prevede che verrà concordata anche un’iniziativa per il miglioramento della prontezza militare della NATO, i cosiddetti “Four Thirties”. Questa implicherebbe che gli alleati avrebbero a disposizione, entro il 2020, 30 battaglioni meccanizzati, 30 squadroni aerei e 30 navi da combattimento pronte entro 30 giorni o meno. “Non si tratta di creare o schierare nuove forze, si tratta di aumentare la prontezza delle forze esistenti”, ha affermato.

Durante la riunione verranno inoltre prese alcune decisioni sulle spese per la condivisione degli oneri e la difesa. Tutti gli alleati hanno ora fermato i tagli alle spese per la difesa e hanno iniziato ad aumentarla, ha affermato Stoltenberg, aggiungendo che sarà in grado di annunciare i primi dati sul  2018 al riguardo, giovedì 7. Il segretario generale ha definito gli investimenti per la difesa “una questione di giustizia”.

Nella riunione NATO in programma per luglio, dedicata alla lotta al terrorismo e alla proiezione della stabilità geopolitica, i ministri discuteranno i piani per avviare una missione di addestramento in Iraq. I leader discuteranno anche del sostegno al rafforzamento di capacità di difesa per la Giordania e considereranno cosa potrebbe fare di più la NATO per aiutare la Tunisia.

Venerdì 8 giugno i ministri si occuperanno della cooperazione NATO-UE, con la partecipazione alla riunione dell’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza Federica Mogherini, nonché i colleghi di Finlandia e Svezia. Stoltenberg ha spiegato i progressi concreti compiuti dai Paesi dell’alleanza atlantica su, ad esempio, avvertenze in tempo reale sugli attacchi informatici e operazioni marittime complementari, commentando che in futuro la mobilità militare potrebbe diventare un fiore all’occhiello per la cooperazione.

La riunione ministeriale si concluderà con un incontro sull’Afghanistan, insieme con i partner che contribuiranno alla missione di addestramento Resolute Support. Tanto le forze militari quanto i finanziamenti che alleati e partner concedono all’alleanza atlantica stanno crescendo, ha affermato il Segretario generale. Circa 3.000 altri formatori sono stati aggiunti alla missione e sono in corso discussioni per estendere i finanziamenti per le forze afghane oltre il 2020. Lodando le forze afghane per le loro prestazioni, Stoltenberg ha concluso: “dobbiamo continuare ad assisterli; sostenere l’audace iniziativa del presidente Ghani per la pace e incoraggiare le continue riforme per combattere la corruzione e sostenere i diritti umani”.

Leggi Sicurezza Internazionale, il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.