Bielorussia minaccia di chiudere confine con la Russia

Pubblicato il 4 giugno 2018 alle 6:05 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha minacciato di chiudere la frontiera con la Russia, se Mosca dovesse decidere di stabilire controlli di confine durante i Mondiali di calcio che si giocheranno in 11 città della Federazione russa tra il 14 giugno e il 15 luglio prossimi. Il leader bielorusso ha promesso di dare “una risposta adeguata alla Russia” se ci saranno controlli al confine.

Lukashenko ha esortato Mosca a valutare la necessità di rivedere le modalità di controllo tra i due stati. “Se vogliono chiudere il confine e lo chiuderanno, allora introdurremo anche noi il controllo al confine” ha sottolineato il leader bielorusso, nel corso della visita all’avamposto di frontiera “Divin” a Kobryn alla frontiera tra la Bielorussia e l’Ucraina

Il capo dello stato bielorusso ha invitato a non “diventare come i russi”, che “non sanno cosa vogliono e cosa fanno al confine bielorusso-russo”.

“Lasciate che accada, non è un problema rispondere. Siamo pronti in qualsiasi momento in modo adeguato a dare una risposta – ha dichiarato Lukashenko, considerato uno stretto alleato del Cremlino – se vogliono chiudere il confine, allora prego”. Il leader di Minsk ha aggiunto che la Bielorussia è disposta a comunicare con i russi “come con degli alleati, come con persone amiche”.

Inoltre, Lukashenko ha definito i confini una reliquia del passato, che impedisce alle persone di comunicare, soprattutto a russi e bielorussi. Il presidente ha sottolineato che la questione sarà discussa a giugno dal Consiglio supremo di stato dell’Unione russo-bielorussia per un “accordo sulle relazioni tra le guardie di frontiera”, ma dicendo che la questione non la risolvono le guardie di frontiera.

La Bielorussia non ha guardie di frontiera schierate al confine con la Russia. All’inizio dello scorso anno Minsk ha introdotto cinque giorni di regime senza visti per cittadini di 80 paesi, questo ha permesso agli abitanti di paesi terzi di attraversare la frontiera russa senza passare per i controlli necessari. In risposta l’FSB, il servizio segreto russo, ha annunciato la creazione di una zona di frontiera al confine con la Bielorussia in alcune regioni russe durante i mondiali, quando, invece, i tifosi di tutto il mondo. potranno recarsi nella Federazione senza visto. A Minsk hanno definito “ritorsione politica” questa decisione.

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.