Afghanistan: attacco suicida a Kabul 14 morti

Pubblicato il 4 giugno 2018 alle 16:13 in Afghanistan Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Sono almeno 14 le vittime dell’attacco suicida del 4 giugno contro un raduno di oltre 2000 studiosi religiosi musulmani riuniti nei pressi del Politecnico di Kabul. Il portavoce della polizia di Kabul, Hashmat Stanikzai, ha dichiarato che almeno 9 i poliziotti sono rimasti feriti e che uno è deceduto. Secondo Stanikzai, l’incidente è avvenuto intorno alle 11:30, ora locale, mentre gli studiosi erano riuniti in una tenda per redigere una fatwa, un editto religioso emesso da esperti di diritto islamico, contro gli attentati suicidi e la guerra in corso nel Paese. Il portavoce dei talebani, Zabiullah Mujahid, ha rilasciato una dichiarazione affermando che il gruppo non ha legami con l’esplosione.

Da anni, l’Afghanistan è colpito dalle violenze dei militanti, che spesso utilizzano i kamikaze per condurre offensive al fine di imporre la propria interpretazione della legge islamica. Gli studiosi religiosi riuniti a Kabul hanno dichiarato che la guerra, in qualsiasi forma, è proibita dalla legge islamica. “Non è altro che spargere sangue sui musulmani. Attacchi suicidi, esplosioni, divisione, insurrezione, corruzione, rapina, rapimento e ogni tipo di violenza sono considerati come grandi peccati nella religione islamica e sono contro l’ordine dell’Onnipotente Allah”. A questo, hanno aggiunto che, secondo il Corano, l’uccisione di musulmani è “haram” cioè proibita. Infine, gli studiosi hanno ribadito la loro richiesta, diretta ai talebani, di accettare l’offerta di pace “incondizionata” del governo afghano.

I talebani e i militanti dell’ISIS, negli ultimi mesi, hanno intensificato gli attacchi a Kabul, rendendola il luogo più letale per i civili in Afghanistan, secondo quanto riporta Al Jazeera. In seguito all’annuale offensiva di primavera, avviata il 25 aprile, la sicurezza è costantemente in allerta, con posti di blocco e pattuglie per tutto il Paese. Il governo ha notificato la possibilità di attacchi terroristici nei pressi di istallazioni governative. A conferma di ciò, il 30 maggio, degli uomini armati hanno fatto irruzione nel Ministero degli Interni, combattendo con le forze di sicurezza per oltre due ore.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.