Venezuela: Maduro annuncia di aver sventato cospirazione militare

Pubblicato il 25 maggio 2018 alle 15:00 in America Latina Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il governo del Venezuela ha annunciato che numerosi alti ufficiali sono stati arrestati nell’ultima settimana per cospirazione volta a rovesciare il presidente Nicolás Maduro. La notizia è stata riferita alla stampa e alla popolazione dallo stesso primo cittadino, in occasione del giuramento delle forze armate.

Maduro non ha reso noti i nomi dei cospiratori, né quanti siano. Fonti dell’opposizione consultate dal quotidiano El País parlano di 11 alti ufficiali appartenenti alla Marina e all’Aviazione venezuelane, mentre il portale digitale “Efecto Cocuyo” parla di 38 alti ufficiali arrestati nell’ultima settimana dai servizi segreti militari del paese. 

Lo scorso mese una cospirazione militare in ambienti dell’artiglieria è stata denunciata dal governo di Caracas e smantellata.

Parlando ai membri della Forza Armata Nazionale Bolivariana giovedì 24 maggio, Nicolás Maduro ha chiesto di vigilare sulle cospirazioni “finanziate dalla Colombia e dagli Stati Uniti”. Il presidente ha presieduto l’atto di giuramento di subordinazione delle forze armate venezuelane a seguito della sua rielezione nel voto dello scorso 20 maggio.

Nel proclama, letto da un maggior sottotenente dell’Accademia dell’Esercito del Venezuela, i militari hanno giurato subordinazione, lealtà e impegno e hanno ratificato la natura “bolivariana, zamorista, chavista, anti-imperialista e anti-oligarchica” delle forze armate. Gli alti comandi militari hanno inoltre provveduto a congratularsi con Maduro per la vittoria conquistata lo scorso 20 maggio per “volontà sovrana del popolo venezuelano”.

Riguardo ai militari detenuti, Maduro ha sottolineato che “coloro che si sono venduti in dollari alla Colombia per tradire la Forza Armata Nazionale Bolivariana hanno confessato e sono stati condannati. Sia ben chiaro che nessuno abbassa la guardia, nessuno di noi abbassa la guardia, perché è tempo di combattere. L’impero statunitense e l’oligarchia colombiana volevano influenzare il corso delle elezioni e della democrazia”.

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.