Tunisia: ambasciatore italiano incontra il premier Chahed

Pubblicato il 23 maggio 2018 alle 14:00 in Italia Tunisia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’ambasciatore italiano in Tunisia, Lorenzo Fanara, ha incontrato il capo del governo tunisino, Youssef Chahed, per discutere i principali aspetti delle relazioni bilaterali tra i due Paesi, martedì 22 maggio a Tunisi. L’incontro è stato reso noto dall’ambasciata italiana, sul proprio sito. Durante la visita l’ambasciatore Fanara ha illustrato le numerose iniziative di diplomazia economica organizzate dal suo arrivo a Tunisi, tra le quali il seminario sulle energie rinnovabili che sta realizzando, in collaborazione con Res4Med, previsto per il 27 giugno.

In tema di investimenti, l’ambasciatore ha segnalato il crescente interesse con cui le aziende italiane guardano al mercato tunisino, sottolineando anche le aspettative dei nostri imprenditori alla semplificazione delle procedure amministrative.

Nel corso del colloquio è stata inoltre evidenziata l’importanza della diplomazia culturale. “L’ambasciatore Fanara ha confermato il programma della settimana dell’Opera italiana in Tunisia, previsto dal 30 giugno al 7 luglio tra Cartagine e El Jem”, conclude il comunicato pubblicato sul sito.

La Tunisia e l’Italia hanno da sempre rapporti diplomatici definiti “eccellenti” dal sito dell’ambasciata italiana a Tunisi. I due Paesi hanno profondi interessi comuni sui principali temi internazionali. L’apertura dell’ambasciata italiana in Tunisia è avvenuta nel 1956, all’indomani della proclamazione dell’Indipendenza della Repubblica Tunisina. Questo ha permesso di approfondire le relazioni di amicizia che la prossimità geografica, la comune appartenenza all’area mediterranea e i continui contatti tra la comunità italiana e quella tunisina rendono intensi.

L’Italia e la Tunisia collaborano anche efficacemente in numerosi fori ed organismi internazionali e sovranazionali, come Unione europea, Nazioni Unite, Dialogo NATO-Mediterraneo e OSCE-Mediterraneo, Politica Europea di Vicinato, e altre.

Dal punto di vista degli scambi migratori, in Tunisia vivono circa 4.000 italiani iscritti ai registri dell’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero, presso l’Ambasciata. I cittadini tunisini in Italia sono circa 140.000 e sono tra le prime comunità straniere per consistenza numerica, i cui membri sono generalmente ben inseriti nel nostro tessuto sociale, secondo il sito dell’Ambasciata. Da anni, la Tunisia beneficia di quote privilegiate di ingresso in Italia per il lavoro subordinato, a riprova degli stretti legami di amicizia che legano i due Paesi. Il 5 aprile 2011 i due ministri dell’Interno Roberto Maroni ed Habib Essid hanno firmato a Tunisi un Processo Verbale di collaborazione migratoria tra i due Paesi.

Dall’8 al 9 febbraio 2017 si è svolta la visita di Stato del Presidente della Repubblica tunisina, Béji Caïd Essebsi, a Roma. Si è trattato della prima visita ufficiale di un capo di Stato della Tunisia dalla rivoluzione dei Gelsomini del 2011. Alla presenza del Presidente Essebsi, sono state firmate sei intese che riguardano il turismo, la sanità, l’ambiente e l’energia, le relazioni culturali e la cooperazione. 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.