Macron in visita da Putin per salvare l’accordo sul nucleare iraniano

Pubblicato il 23 maggio 2018 alle 6:30 in Francia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, si recherà il 24 maggio in Russia per discutere con il presidente russo, Vladimir Putin, delle questioni relative alla Siria, all’Iran e all’Ucraina. Il 25 maggio invece, Macron parteciperà all’Economic Forum di San Pietroburgo, la più importante esibizione russa annuale di investimenti. Il leader dell’Eliseo aveva deciso a marzo di mantenere il viaggio programmato, nonostante il peggioramento delle relazioni tra Mosca e gli Stati europei dovuto alla questione dell’avvelenamento dell’ex spia russa Sergei Skripal e della figlia Julija, avvenuto a Salisbury, nel Regno Unito, il 4 marzo. Secondo quanto riportato da Bloomberg, la necessità di ottenere l’aiuto della Russia per salvare il Joint Comprehensive Plan of Action (JPCOA) dopo il ritiro degli Stati Uniti, ha determinato la decisione dei leader europei di riaprire il confronto con Putin. Il 18 maggio, già la cancelliera tedesca, Angela Merkel, aveva incontrato il leader russo a Sochi, per discutere sia dell’accordo sul nucleare iraniano, ma anche della Siria, dell’Ucraina e del gasdotto Nordstream 2.

Secondo Bloomberg, la decisione di Macron di incontrare Putin è dovuta anche all’orientamento di politica estera che il presidente francese aveva delineato il 6 maggio in un’intervista rilasciata a Le Journal de Dimanche. “Se la Francia vuole essere rispettata, deve parlare con tutti ma deve anche agire quando vengono oltrepassati i confini. Voglio un dialogo strategico con Vladimir Putin per avvicinare la Russia all’Europa e per evitare che Mosca si ponga in contrasto con noi” aveva affermato il leader francese in quell’occasione. Nonostante questo, Macron non ha mai esitato a criticare la controparte russa sulle questioni dei diritti degli omosessuali, sul sostegno a Bashar Al Assad e sulla questione dell’Ucraina.

Sempre secondo Bloomberg, entrambe le parti concordano sulla necessità di mantenere in vita l’accordo sul nucleare iraniano, nonostante il ritiro di Trump e, durante l’incontro, i due leader discuteranno su come mantenere i benefici economici derivanti da esso, nonostante le sanzioni imposte dalla Casa Bianca. Le questioni ucraina e siriana saranno gli altri due elementi principali del meeting. Rispetto alla Siria, fonti francesi riferiscono che l’obiettivo di Macron sarà quello di far sì che il processo di Astana, canale attraverso il quale fin dall’inizio del 2017 Ankara, Mosca e Teheran hanno preso in mano l’iniziativa diplomatica, venga esteso anche al resto della comunità internazionale. Inoltre, il leader francese chiederà a Putin di incrementare gli sforzi per il rispetto degli accordi di Minsk, firmati il 5 settembre 2014 per porre fine alla guerra nell’Ucraina orientale.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.