Bangladesh sigla accordo con la Cina per l’apertura di una centrale elettrica a carbone

Pubblicato il 8 maggio 2018 alle 6:10 in Bangladesh Cina

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Bangladesh Power Development Board, gestito dal governo di Dacca, e la Huadian HongKong Company Limited cinese hanno firmato un accordo per la creazione di una joint venture company volta a costruire una centrale elettrica a carbone dalla capacità di 1320 megawatt.

“Queste due compagnie hanno firmato l’accordo domenica 6 maggio con l’obiettivo di costruire la centrale elettrica a carbone presso l’isola di Moheshkhali, situata nel distretto di Cox Bazar in Bangladesh”, ha spiegato il direttore di Bangladesh Power Development Board, Mohammad Saiful Islam.

La joint venture impiegherà quattro anni per la realizzazione del progetto ed il costo iniziale previsto per la centrale elettrica corrisponde a 2 miliardi di dollari.

Il governo del Bangladesh prevede di poter fornire elettricità ai 160 milioni di abitanti del Paese entro il 2021, anno in cui lo Stato dovrebbe entrare all’interno del gruppo dei Paesi a medio reddito. Attualmente, il 20% della popolazione bengalese non ha accesso diretto all’elettricità.

I Paesi in via di sviluppo che desiderano costruire centrali elettriche a carbone per riuscire a fornire elettricità ai propri abitanti non ricevono più finanziamenti dalla Banca Mondiale né dalla Asian Development Bank per motivi di natura ambientale, dal momento che il carbone viene considerato un materiale molto inquinante.

Le compagnie cinesi, invece, presentano standard ambientali diversi che consentono loro di partecipare al finanziamento di progetti che prevedano l’utilizzo di carbone.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Alice Barberis

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.