Stati Uniti mettono in guardia la Cina sulla crescente militarizzazione nel Mar Cinese Meridionale

Pubblicato il 4 maggio 2018 alle 19:30 in Cina USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il governo degli Stati Uniti ha messo in guardia Pechino in merito alla possibilità che ci siano delle conseguenze a causa della crescente militarizzazione cinese nel Mar Cinese Meridionale. Secondo quanto riportato dal news network CNBC, mercoledì 2 maggio, la Cina avrebbe installato alcuni missili cruise anti-nave e un sistema missilistico terra-aria in tre avamposti delle Isole Spratly, facenti parte di un arcipelago rivendicato da diversi Paesi tra cui Filippine, Taiwan e Vietnam.

“Siamo consapevoli della progressiva militarizzazione cinese del Mar Cinese Meridionale. Abbiamo manifestato le nostre preoccupazioni in merito a questa situazione direttamente al governo di Pechino ed abbiamo annunciato loro che ci saranno conseguenze sia nel breve periodo sia nel lungo periodo”, ha affermato Sarah Sanders, portavoce della Casa Bianca, giovedì 3 maggio.

“La Cina possiede una sovranità indiscutibile sui territori delle isole Spratly, pertanto ha il diritto di installarvi gli strumenti di difesa nazionale che risultano necessari. Le attività cinesi nel Mar Cinese Meridionale hanno solamente lo scopo di sostenere la nostra sovranità ed integrità territoriale”, ha sostenuto, invece, Hua Chunying, portavoce del Ministero degli Affari Esteri cinese.

Il governo di Pechino rivendica un’ampia porzione di territorio nel Mar Cinese Meridionale nota come “nine-dash line”. Nonostante la sentenza emessa nel luglio 2016 dalla Corte Permanente di Arbitrato dell’Aja, secondo la quale le rivendicazioni territoriali cinesi non presentano un fondamento legale, il governo cinese avrebbe cercato di rafforzare il suo potere nell’area creando e militarizzando le isole Spratly e Paracels.

A seguito della politica assertiva di Pechino nel Mar Cinese Meridionale, gli Stati Uniti hanno deciso di intensificare la propria presenza militare nell’area a protezione dei traffici commerciali. Le tratte commerciali presenti nel Mar Cinese Meridionale sono molto numerose e hanno un valore stimato pari a 5 milioni di miliardi di dollari ogni anno.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Alice Barberis

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.