Corea del Sud, Cina e Giappone prossime ad un meeting trilaterale

Pubblicato il 2 maggio 2018 alle 6:10 in Corea del Sud Giappone

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il 9 maggio il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, ospiterà a Tokyo un summit a cui prenderanno parte anche il presidente sudcoreano, Moon Jae-In, ed il primo ministro cinese, Li Keqiang per discutere delle principali questioni regionali, tra cui l’evoluzione della situazione nella Corea del Nord. Si tratterà del primo incontro trilaterale dopo più di due anni dall’ultimo.

L’idea di svolgere un summit tra le tre potenze era nata nel 2004, su proposta della Corea del Sud, con l’obiettivo di creare un forum esclusivo per le tre principali potenze economiche asiatiche. Il primo incontro era avvenuto nel dicembre 2008 a Fukuoka, in Giappone, e fino al 2012 i summit avevano avuto scadenza annuale.

La decisione di riprendere questo summit segue gli sviluppi positivi dello storico incontro che si è tenuto nel villaggio di Panmujom, venerdì 27 aprile, tra il leader nordcoreano, Kim Jong Un, e il presidente sudcoreano, Moon Jae-In. Al termine dell’incontro, i due leader hanno siglato la Joint Panmunjom Declaration attraverso la quale si impegneranno a delineare un vero e proprio trattato di pace tra le due Coree e ad avviare la completa denuclearizzazione della penisola.

Tutti i tre Paesi presentano forti legami con la Corea del Sud. La Cina rappresenta il principale alleato e partner economico di Pyongyang. Il Giappone, in qualità di principale alleato asiatico degli Stati Uniti, è stato spesso oggetto delle minacce del leader nordcoreano Kim. Infine, la Corea del Sud è il suo vicino e rivale storico.

Se la Corea del Sud sembra essere più ottimista a seguito dei risultati positivi dell’incontro di Panmunjom e la Cina pare disposta a giocare un ruolo importante verso la riappacificazione delle due Coree, il Giappone presenta ancora qualche forma di scetticismo nei confronti delle intenzioni del leader nordcoreano, Kim Jong Un.

Per cercare di migliorare i rapporti che intercorrono tra Giappone e Corea del Nord, il presidente della Corea del Sud, Moon Jae-In, si è detto disposto a “costruire un ponte” per mettere in comunicazione i due Paesi. Il primo ministro giapponese Abe ha espresso la volontà di incontrare il leader Kim, il quale si è detto disponibile ad assecondare il desiderio del premier di Tokyo.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Alice Barberis

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.