Pakistan: terzo attacco del mese contro comunità hazara

Pubblicato il 29 aprile 2018 alle 6:02 in Asia Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Due persone appartenenti alla comunità etnica hazara sono stati uccisi, sabato 28 aprile, nella parte sud-occidentale del Pakistan.

Le due vittime erano imparentate e sono state colpite presso il loro negozio, in un’area affollata della città di Quetta, la capitale della regione del Balokistan. Gli aggressori hanno sparato contro i due hazara e sono poi fuggiti a bordo di una motocicletta. Entrambi gli uomini sono morti sul colpo e hanno riportato numerose ferite causate dai proiettili. “Si tratta di un attacco settario” ha dichiarato l’agente di polizia Abdullah Afridi.

In seguito all’uccisione dei due uomini, i proprietari dei negozi nell’area hanno organizzato una protesta. All’inizio del mese, la comunità hazara aveva organizzato un sit-in contro le violenze perpetrate ai danni della minoranza etnica.

Nell’area, di recente, si sta riscontrando una rinnovata ondata di attacchi verso le minoranze e le forze di sicurezza. Quello di sabato 28 aprile è il terzo attacco contro la minoranza hazara nell’ultimo mese. L’ultimo attacco si era verificato domenica 22 aprile, quando 2 uomini avevano perso la vita in una incursione simile. Martedì 24 aprile, la città di Quetta era stata colpita da 3 attacchi terroristici suicidi che hanno ucciso 6 poliziotti e hanno ferito almeno 15 membri delle forze di sicurezza.

Gli hazara sono una comunità a maggioranza musulmana sciita, e sono spesso obiettivo dei talebani, dello Stato Islamico e di altri gruppi militanti musulmani sunniti, a causa del loro credo religioso, sia in Afghanistan che in Pakistan. Molti membri della comunità hazara si sono recati in territorio pakistano durante i decenni di conflitto afgano, tanto che ad oggi quasi mezzo milione di appartenenti a questa minoranza etnica risiede a Quetta e dintorni. Nel 2013, tre bombardamenti separati uccisero più di 200 persone nel distretto degli hazara, risvegliando la preoccupazione della comunità internazionale riguardo le difficoltà di questa minoranza.

La città di Quetta, capitale del Balokistan, oltre a essere il centro di numerose proteste da parte di gruppi separatisti, viene spesso colpita dalla violenza dei gruppi terroristici. Nel corso dei quindici anni passati, sono stati più di 1.400 gli attacchi contro le minoranze sciita e hazara locali. I musulmani sciiti rappresentano circa il 15% della popolazione pakistana, composta da 207 milioni di persone. Dal 2002, sono stati uccisi almeno 2,679 sciiti nel corso della sanguinosa campagna portata avanti contro di loro.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e redazione a cura di Chiara Romano

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.