La Romania trasferirà la propria ambasciata a Gerusalemme

Pubblicato il 20 aprile 2018 alle 14:16 in Europa Israele

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Romania sarà il primo membro dell’Unione Europea a seguire gli Stati Uniti nella controversa decisione di trasferire la propria ambasciata in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme. Altri sei Paesi manifestano intenzioni simili.

 La Romania trasferirà la propria ambasciata a Gerusalemme. È quanto riferisce Liviu Dragnea, membro di spicco del Partito socialdemocratico oggi al governo, alla rete televisiva Antena 3, spiegando che tale decisione ha un enorme valore simbolico per la grande influenza internazionale di Israele e per la possibilità di avvicinarsi agli Stati Uniti.

Tale possibilità era stata considerata in Romania già nel dicembre 2017, ma aveva incontrato il veto del Presidente Klaus Ioannis (centro destra), il quale aveva affermato che la questione di Gerusalemme avrebbe dovuto essere risolta tra Israele e il popolo palestinese.

La decisione della Romania arriva in concomitanza con l’annuncio del primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, il quale, venerdì 19 aprile, ha annunciato che almeno sei nazioni starebbero valutando la possibilità di trasferire la loro ambasciata a Gerusalemme e che le prime dieci nazioni saranno oggetto di trattamento preferenziale da parte dello Stato ebraico.

L’11 marzo Army Radio, emittente radiofonica israeliana, aveva riportato inoltre che Paraguay e Honduras avevano manifestato la volontà di trasferire la propria ambasciata e avevano chiesto a Netanyahu di recarsi in visita nei loro Paesi. Nonostante la decisione dei tre Paesi, la maggior parte della comunità internazionale resta fedele alla risoluzione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 21 dicembre 2017 che aveva condannato la decisione statunitense dal momento che teme che tali iniziative possano portare al blocco totale del processo di pace del Medio Oriente. Il 6 dicembre 2017 il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, aveva annunciato la decisione di trasferire l’ambasciata americana in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme.  In occasione della riunione dell’Assemblea Generale dell’ONU, solamente Guatemala, Honduras, Isole Marshall, Nauru, Palau e Togo oltre a Israele avevano appoggiato gli USA. Di questi Paesi finora solo il Guatemala ha iniziato le operazioni volte a trasferire la propria ambasciata. Il 23 febbraio, il Dipartimento di Stato americano aveva annunciato che l’apertura dell’ambasciata a Gerusalemme sarebbe stata programmata per il 14 maggio, in concomitanza con il 70° anniversario della dichiarazione di indipendenza di Israele.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.