Camerun: il governo ricompensa i soldati contro separatisti inglesi

Pubblicato il 16 aprile 2018 alle 15:47 in Africa Camerun

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente del Camerun, Paul Biya, ha reso nota l’intenzione di assegnare un “bonus di supporto” di 30.000 franchi CFA (l’equivalente di circa 46 euro) a tutti i soldati schierati sul campo di battaglia contro i separatisti inglesi.

Nel frattempo, continuano gli attacchi delle Forze di Difesa della Ambazonia (ADF), braccio armato dei separatisti anglofoni, contro le postazioni di difesa dell’esercito camerunense nelle regioni a maggioranza anglofona del Nord-ovest e del Sud-ovest del Paese. Nella giornata del 15 aprile, si sono verificati scontri in varie località tra cui Mungo Ndor. Testimoni affermano che ci sarebbero stati dei morti tra le file dell’esercito camerunense.

Già nel 2015, i soldati impegnati nella lotta contro Boko Haram nel nord del Paese avevano ricevuto simili ricompense. La presenza di frange di Boko Haram sul territorio del Camerun è diminuita rispetto al 2014, anno di inizio degli attacchi.

La settimana scorsa, durante l’emissione « Actualités Hebdo » della  Cameroon radio television (CRTV), il ministro della decentralizzazione e dello sviluppo locale del Camerun, Paul Atanga Nji, in accordo al presidente Biya, ha dichiarato che i secessionisti inglesi hanno 30 giorni per deporre le armi, dopodichè “ la legge seguirà il suo corso”. 

Dal novembre 2016, la popolazione anglofona in Camerun, presente per lo più nelle regioni del Sud e del Nord Ovest, lotta per ottenere l’indipendenza dalla parte francofona del Paese. Insegnanti e avvocati anglofoni hanno protestato in massa contro l’obbligo di insegnamento in lingua francese. I disordini hanno raggiunto un picco di violenza il 1 ottobre 2017, quando i separatisti anglofoni hanno dichiarato la nascita della Repubblica dell’Ambazonia, nel sud del Paese, e creato un governo provvisorio, osteggiato dalla parte francofona del Paese sotto il governo del presidente Paul Biya.

Le radici della divisione linguistica e culturale risalgono alla fine della Prima Guerra mondiale, quando la Società delle Nazioni decise di dividere il Camerun, ex colonia tedesca, tra i vincitori francesi e inglesi. In seguito all’indipendenza dalla Francia nel 1960, il Camerun del sud, sotto dominazione inglese, si è unito alla Repubblica del Camerun nel 1961. Ad oggi, gli indipendentisti rivendicano l’indipendenza dell’Ambazonia, in seguito anche alle politiche discriminatorie del governo di Yaounde nei confronti della minoranza anglofona, che rappresenta circa il 20% della popolazione. Nel 2016 e 2017, almeno 25 soldati sono morti in una serie di raid nella lotta per l’indipendenza.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano in Italia interamente dedicato alla politica internazionale

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.