Pakistan: 2 soldati uccisi al confine con l’Afghanistan

Pubblicato il 15 aprile 2018 alle 16:33 in Afghanistan Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Domenica 15 aprile, 2 soldati pakistani sono stati uccisi e 5 feriti in uno scontro transfrontaliero con le truppe dell’Afghanistan, mentre lavoravano a una recinzione che, per quasi tutti i 2.500 chilometri di confine, separa i due Paesi.

I funzionari afgani hanno spiegato che i soldati pakistani hanno sconfinato nel loro territorio, scatenando la reazione delle forze di confine e delle forze locali tribali, che a loro volta hanno subito 2 perdite. La notizia è stata comunicata da Mohmud Zazai, un comandante senior dell’esercito nell’area. Il dipartimento delle pubbliche relazioni dell’esercito pakistano ha dichiarato che le proprie truppe non hanno risposto al fuoco per evitare vittime tra i civili afgani.

Le moschee nella regione del distretto di Kurram, dove è avvenuto l’attacco, hanno fatto degli annunci per incoraggiare i locali ad assistere le forze armate, incitando i civili armati a recarsi al confine, in seguito all’attacco. Negli ultimi 10 anni, il distretto di Kurram ha subito diversi attacchi da parte di gruppi di militanti, oltre ad essere stata oggetto di numerosi raid statunitensi eseguiti da droni che avevano l’obiettivo di colpire i comandanti di al-Qaeda e altri gruppi terroristici.

Nonostante la sicurezza sia migliorata nelle aree più lontane del Pakistan, al confine con l’Afghanistan si verificano ancora alcuni attacchi da parte dei militanti, principalmente contro i musulmani sciiti. Il Pakistan ha accusato i militanti talebani pakistani, che ritiene siano stanziati sul territorio afgano, di aver perpetrato gli attacchi nella regione negli ultimi due anni. Da parte sua, l’Afghanistan ha accusato Islamabad di proteggere la leadership dei militanti talebani afgani che combattono contro il governo di Kabul, sostenuto dagli Stati occidentali.

Confinando per 2.500 km, il territorio di frontiera tra Afghanistan e Pakistan, per lo più montuoso e poco controllato, permette ai gruppi terroristici di operare attivamente tra i due Paesi. Le operazioni militari per eliminare la minaccia dei talebani in Pakistan, noti come Tehreek-e-Taliban (TTP), vanno avanti dal 2007 e interessano per lo più le aree tribali del Paese. L’11 dicembre 2017, l’agenzia di stampa afghana in lingua inglese, Khaama Press, aveva reso noto che le autorità pakistane avevano proposto la creazione di gruppi di lavoro congiunti con Kabul, al fine di cercare di riportare la stabilità nei due Paesi asiatici. Islamabad sostiene altresì che, nonostante in passato abbia avuto una certa influenza sulla leadership talebana in Afghanistan, oggi non ha più alcun tipo di legame con i combattenti.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Traduzione dall’inglese e redazione a cura di Chiara Romano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.