Il Texas invierà 1000 militari alla frontiera con il Messico

Pubblicato il 10 aprile 2018 alle 21:00 in Messico USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Lo stato del Texas invierà come minimo 1000 soldati della Guardia Nazionale al confine con il Messico, riportano la stampa statunitense e messicana, citando il governatore Greg Abbott.

Abbott, parlando alla radio KTSA di San Antonio, ha annunciato l’invio, nelle ultime 72 ore, di 250 militari della Guardia Nazionale, in ottemperanza al decreto presidenziale che prevede di schierare come minimo 4000 soldati dal Texas alla California per proteggere il confine meridionale degli USA. 

Abbott ha reso noto che i 250 soldati si aggiungono ai 100 inviati nel 2014 dall’allora governatore Rick Perry su richiesta di Barack Obama ed ha annunciato che lo stato arriverà nei prossimi mesi a schierare come minimo 1000 militari alla frontiera meridionale.

Il governatore del Texas ha anche detto che i militari al confine saranno armati. “Ogni volta che si troveranno in un posto dove ci sarà la possibilità che qualcuno di pericoloso entri in conflitto con loro, saranno armati. La nostra Guardia Nazionale sarà pienamente in grado di difendersi” – ha affermato Abbott alla stazione radio, smentendo in parte le promesse fatte alla controparte messicana dalla Segretaria alla Sicurezza Nazionale Nielsen.

Anche Arizona e Nuovo Messico hanno annunciato l’invio di ulteriori truppe alla frontiera. Il governatore dell’Arizona Doug Ducey ha portato a 338 i membri della Guardia Nazionale schierati al confine con il Messico, mentre la governatrice del Nuovo Messico Susana Martínez ne ha schierati 80, prevedendo di arrivare a 250 in breve tempo. Ancora nessun annuncio da parte del governatore della California Jerry Brown.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva dichiarato nei giorni scorsi che la Guardia Nazionale presidierà la frontiera meridionale degli Stati Uniti fino alla fine della costruzione del muro. Il confine con il Messico è infatti, secondo Washington, la porta d’ingresso nel paese di droga, armi e immigrati clandestini a causa degli scarsi controlli di Città del Messico.

La Guardia Nazionale è un corpo delle forze armate statunitensi ed è subordinata al contempo alle autorità federali e alle autorità di ogni singolo stato dove operi. Se necessario, la Guardia Nazionale si attiva da statuto per far fronte alle conseguenze di disastri naturali, e talvolta anche per coadiuvare le forze dell’ordine nel reprimere i disordini più importanti. I militari della Guardia Nazionale possono anche essere inviati nelle zone di combattimento.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dallo spagnolo e dall’inglese e redazione a cura di Italo Cosentino

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.