Germania: sventato probabile attacco terroristico contro maratona a Berlino

Pubblicato il 9 aprile 2018 alle 13:26 in Europa Germania

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le autorità tedesche hanno sventato un probabile attacco che avrebbe dovuto colpire la maratona di Berlino, domenica 8 aprile. La polizia ha arrestato 6 persone, dall’età compresa tra i 18 e i 21 anni, accusandole di voler attuare un attentato di matrice islamista. Un portavoce delle forze di sicurezza ha precisato che nessuno degli atleti e degli spettatori ha corso un pericolo.

Secondo quanto riportato dal quotidiano tedesco, Die Welt, il primo ad aver diffuso la notizia, uno dei sospettati, la cui identità non è stata resa nota, aveva preparato due coltelli da utilizzare nell’attacco. Il portavoce della polizia, Thomas Neuendorf, ha riferito che sono presenti vaghi elementi che indicano un attacco imminente ma, dato l’alto livello di allerta, le forze di sicurezza hanno preferito trattenere gli individui.

Sembra che uno dei sospettati fosse legato ad Anis Amri, il 24enne tunisino che il 19 dicembre 2016 ha travolto la folla a bordo di un camion presso i mercatini di Natale di Berlino, uccidendo 12 persone e ferendone 48. Intanto, la polizia ha perquisito le abitazioni degli arrestati, sequestrando i loro telefoni cellulari ed i loro computer.

La maratona, alla quale hanno partecipato 36.000 atleti, era sorvegliata da 630 ufficiali di polizia. Eventi come questi sono già stati oggetto di attentati terroristici di stampo salmista. Il 15 aprile 2013, i fratelli di origine cecena Dzochar e Tamerlan Tsarnaev fecero esplodere due ordigni piazzati nei pressi del traguardo, a circa 170 metri l’uno dall’altro su Boylstone Street, a distanza di 12 secondi, causando la morte di 3 persone e il ferimento di altre 260.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.