USA: cubani che vogliono il visto dovranno andare in Guyana

Pubblicato il 1 aprile 2018 alle 6:00 in Cuba USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d’America ha annunciato che a partire dal 1 aprile comincerà a processare le richieste di visto di immigrazione dei cittadini cubani presso l’ambasciata a Georgetown, capitale della Guyana.

La decisione è stata resa nota meno di un mese dopo che il governo di Washington aveva stabilito di continuare a mantenere attive solo le funzioni essenziali dell’ambasciata a L’Avana, come conseguenza dei misteriosi attacchi acustici subiti da personale diplomatico statunitense e canadese sull’isola nei primi mesi del 2017. Tra le funzioni rimaste in attività non vi sono quelle proprie degli uffici consolari, visti inclusi. Sin da settembre i cubani che avessero bisogno di richiedere o rinnovare il visto per gli Stati Uniti dovevano recarsi a Bogotà.

La misura varata da Washington è stata criticata dalle autorità cubane e anche da ambienti statunitensi, inclusi alcuni esponenti della diaspora cubana di Miami, che ne hanno denunciato le motivazioni politiche dannose per gli scambi commerciali appena avviati con l’isola e per le famiglie separate dallo stretto della Florida.

“Il 1º aprile cominceremo a trasferire le attuali richieste di visto di immigrazione e a programmare le interviste per i cubani nell’Ambasciata degli Stati Uniti a Georgetown, in Guyana” – si legge nella nota del Dipartimento di Stato che ha indicato che questo sarà il luogo principale del procedimento di richiesta del visto, sostituendo la sede di Bogotà.

 “Le prime interviste si svolgeranno a partire dal mese di giugno” continua la nota della diplomazia USA, che conferma che la scelta di Georgetown risponde a diversi fattori, inclusa la disponibilità di voli ed i requisiti del visto, gli abitanti della nazione caraibica, infatti, non necessitano di visto di entrata per viaggiare in Guyana. 

Allo stesso tempo, il Dipartimento di stato ha ribadito che i cubani che desiderino sollecitare visti normali potranno farlo in qualunque ambasciata o consolato degli Stati Uniti fuori da Cuba.

Gli organi ufficiali dell’isola lamentano la distanza della sede diplomatica scelta da Washington, quasi 4 ore di volo da L’Avana.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.