Ministro venezuelano: contro di noi guerra psicologica

Pubblicato il 30 marzo 2018 alle 15:32 in America Latina Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro delle Comunicazioni e dell’Informazione del Venezuela, Jorge Rodríguez, ha affermato in occasione di un breafing con la stampa che contro il Venezuela è in atto una campagna di guerra psicologica condotta con la complicità delle grandi corporazioni dei media a livello globale.

Rodríguez ha intrapreso la settimana scorsa un viaggio in vari paesi europei, dove ha concesso alcune interviste in diversi mezzi di stampa, con l’obiettivo di smontare le azioni dirette a falsificare la realtà economica, politica e sociale della nazione sud-americana.

“Credo che ci sia molta incertezza ed esiste una vera operazione di guerra psicologica, quasi un linciaggio contro il Venezuela” – ha assicurato il ministro chavista in un’intervista alla BBC a Parigi.  

Nell’intervista all’emittente britannica Rodríguez ha presentato come esempio della manipolazione il silenzio mediatico intorno allo scandalo delle elezioni dell’11 marzo scorso in Colombia, in occasione delle quali è stato permesso di fotocopiare le schede elettorali ed è stato denunciato l’acquisto di voti. “Perché – si è chiesto Rodríguez – si dipinge il Venezuela come una dittatura e non si dice nulla sulle evidenti violazioni della democrazia in Colombia?”

Un’altra prova della guerra psicologica contro Caracas si riscontra, secondo il ministro venezuelano, nei mass media spagnoli, dove sono stati pubblicati più di 3800 articoli negativi sul Venezuela nel 2017.

Il ministro del governo di Nicolás Maduro ha affermato inoltre che “le fake news sul nostro paese si disintegrano quando persone di altre nazioni visitano il territorio venezuelano e possono constatare una realtà completamente differente da quella presentata da alcuni mezzi di comunicazione fascisti”.

Rodríguez ha sottolineato che nel paese esiste “piena libertà di espressione” e si vive un clima di tranquillità e pace, raggiunto dopo l’elezione e l’insediamento dell’Assemblea Nazionale Costituente, il 30 luglio del 2017.

Le dichiarazioni del ministro hanno suscitato forti polemiche in ambienti vicini all’opposizione. In particolare su twitter si sono scatenate dichiarazioni contro Rodríguez, definito “psichiatra pazzo” o “faccia di bronzo” da diversi utenti, inclusi giornalisti e opinionisti.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.