Libia: liberato il sindaco di Tripoli

Pubblicato il 30 marzo 2018 alle 12:09 in Africa Libia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il sindaco di Tripoli è stato liberato qualche ora dopo essere stato rapito da alcuni uomini armati sconosciuti. Non sono ancora chiare le ragioni del sequestro.

Il sindaco era stato rapito nella notte tra mercoledì 28 e giovedì 29 marzo, mentre si trovava nella propria abitazione. Secondo un comunicato, emanato giovedì 29 marzo dal Consiglio della città, “Il comune di Tripoli e i suoi cittadini hanno ricevuto la notizia del rapimento del sindaco Absulraouf Hassan Baitelmal da parte di folli, che hanno fatto irruzione nella sua abitazione con la forza e lo hanno portato in una destinazione sconosciuta”. 

Il Consiglio aveva deciso di sospendere il proprio lavoro come forma di protesta, fino a quando non avrebbe ottenuto ulteriori informazioni, e aveva esortato le “autorità competente e i cittadini” a lavorare per garantire che venisse rilasciato. In questo contesto, l’ente aveva dichiarato: “Questi atti minacciano la costituzione dello Stato e la vita dei cittadini”.

Nella città di Tripoli il governo di accordo nazionale, stabilito dall’ONU il 30 marzo 2016, è costretto a scontrarsi continuamente con un secondo governo, guidato da Khalifa al-Ghuwail e sostenuto dal Qatar, che rivendica la legittimità politica. La Libia è devastata dalla guerra civile dal 17 febbraio 2011. In seguito all’uccisione del colonnello Muammar Gheddafi, che governava la Libia dal 1969, avvenuta il 21 ottobre 2011, il Paese è precipitato in una guerra civile che non si è ancora conclusa. Attualmente, nel Paese esistono due governi rivali. Il primo, sostenuto da Stati Uniti e Italia, si trova a Tripoli ed è stato creato dall’ONU il 30 marzo 2016. Il secondo è a Tobruk ed è protetto da Russia, Egitto ed Emirati Arabi Uniti.

Sicurezza Internazionale quotidiano sulla politica internazionale.

Traduzione dall’arabo e dall’inglese e redazione a cura di Laura Cianciarelli

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.