Venezuela: 68 morti in incendio in commissariato di polizia

Pubblicato il 29 marzo 2018 alle 14:31 in America Latina Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Almeno 68 persone sono rimaste uccise in un incendio scoppiato il 29 marzo scorso nel commissariato centrale della polizia dello stato di Carabobo, nella città di Valencia, a ovest di Caracas, nel nord del Venezuela. Causa dell’incendio sarebbe stata una rissa tra i detenuti reclusi nelle celle di detenzione, probabilmente un inizio di sommossa carceraria. 

La maggior parte delle vittime, tra cui molte donne in visita ai congiunti detenuti, sarebbe morta per asfissia. Il bilancio delle vittime potrebbe salire fino ad 80 persone secondo la ONG Una Ventana a la Libertad, principale organizzazione non governativa che si occupa di diritti dei detenuti. Finora la procura generale del paese latinoamericano ha riconosciuto 68 cadaveri.

“Abbiamo nominato quattro procuratori per indagare e fare chiarezza sulla vicenda” – ha affermato il Procuratore generale del paese Tarek William Saab. 

Come tutte le strutture carcerarie del paese, la zona detenzione del commissariato centrale della polizia dello stato di Carabobo presenta gravi problemi di sovraffollamento. 

Secondo le prime ricostruzioni la sommossa sarebbe scoppiata con il tentativo di alcuni detenuti di sottrarre l’arma ad una guardia carceraria, immediatamente si sarebbe scatenato un incendio le cui fiamme si sarebbero estese a grandissima velocità. Le guardie carcerarie hanno creato un buco nella parete del carcere per tentare di far uscire i detenuti e altre guardie, mentre fuori dalla struttura i familiari dei detenuti protestavano contro le forze dell’ordine.

Carlos Nieto, presidente della ONG Una Ventana a la Libertad, ha accusato direttamente il ministro dell’amministrazione penitenziaria Iris Varela di essere responsabile dell’accaduto, in quanto avrebbe ignorato i numerosi allarmi giunti riguardo alla struttura di Valencia e ad altre strutture carcerarie del paese.

Finora né il presidente Maduro, né il ministro Varela, né le autorità locali dello stato di Carabobo hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali sulla tragedia.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.