Perù: si dimette il presidente Kuczynski

Pubblicato il 22 marzo 2018 alle 6:03 in America Latina Perù

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Pedro Pablo Kuczynski non è più il presidente del Perù. Si è dimesso nel pomeriggio di mercoledì 21 marzo al termine di una riunione con i suoi ministri ai quali ha reso noto che non gli era più possibile resistere alle pressioni di cui era oggetto ormai da giorni. Nel pomeriggio di oggi era previsto un nuovo voto parlamentare per la destituzione del presidente, coinvolto nello scandalo Odebrecht.

La multinazionale brasiliana avrebbe pagato tangenti alle aziende di cui Kuczynski era socio durante il suo mandato come ministro dell’economia dal 2004 al 2005 durante la presidenza di Alejandro Toledo. 

Lo scorso 22 dicembre Kuczynski aveva evitato l’impeachment grazie al voto di un gruppo di deputati fedeli al figlio dell’ex dittatore Alberto Fujimori. In cambio l’anziano autocrate fu liberato il giorno di Natale. Da alcuni giorni l’opposizione, guidata dalla figlia di Fujimori, Keiko, aveva messo a disposizione dei media alcuni video in cui si vedeva il figlio di Fujimori, Kenji, offrire per conto del presidente investimenti nelle provincie dei deputati che avrebbero votato contro l’impeachment. La guerra interna ai fratelli Fujimori ha, dunque, posto fine al mandato di Kuczynski, eletto paradossalmente da una coalizione anti-fujimorista.

In un messaggio al paese, il presidente dimissionario ha dichiarato di voler restituire con il suo gesto “la pace e l’armonia di cui la nazione ha enormemente bisogno, pace e armonia che a me sono state negate. Non voglio che la patria soffra. Sappiate che ho operato per sessant’anni della mia vita in totale e completa onestà”.

Kuczynski lascia a meno di tre settimane dal vertice interamericano di Lima, di cui sarebbe stato anfitrione, mentre il Perù si avvia sulla strada di una crisi politica di difficile soluzione. 

Alla guida del paese è chiamato ora il vicepresidente Martin Vizcarra, un politico rispettato per i suoi successi come governatore della regione di Moquegua, nel sud del paese. Vizcarra era da tempo ai margini dell’azione politica di Kuczynski, tanto che, seppur formalmente vicepresidente, svolgeva le funzioni di ambasciatore in Canada.

Con Kuczynski dimissionario e inquisito, il predecessore Ollanta Humala in galera assieme alla moglie, l’ex presidente Toledo latitante e il suo successore Alán García indagato per corruzione, ad oggi l’unico ex presidente del Perù libero da pendenze giudiziarie è proprio l’ex dittatore Alberto Fujimori, graziato a Natale. “Che succede in Perù, che tutti i presidenti stanno in galera?” – si era chiesto Papa Francesco in occasione della sua recente visita nel paese sudamericano. 

Sicurezza internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.