Corea del Nord: silenzio in merito ai futuri summit

Pubblicato il 12 marzo 2018 alle 19:30 in Asia Corea del Nord

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I media della Corea del Nord hanno menzionato la visita della delegazione della Corea del Sud avvenuta la scorsa settimana ma nessuna copertura è stata data in merito all’invito rivolto dal leader Kim Jong Un nei confronti del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump e del presidente della Corea del Sud, Moon Jae In.

Il silenzio stampa del governo della Corea del Nord riguardo ai futuri summit con gli Stati Uniti e con la Corea del Sud, inerenti alla denuclearizzazione della penisola e al futuro del programma nucleare nordcoreano, è dovuto probabilmente al sentimento della prudenza. L’amministrazione di Pyongyang potrebbe essere in procinto di elaborare ed organizzare la posizione da tenere durante tali incontri.

“Non abbiamo ricevuto nessuna risposta ufficiale dal regime della Corea del Nord in merito al summit previsto con gli Stati Uniti”, ha affermato il portavoce del ministro sudcoreano per l’Unificazione della penisola.

I funzionari della Corea del Sud, che hanno portato al presidente Trump il messaggio conciliatorio del leader Kim Jong Un, nell’arco di questa settimana visiteranno Cina, Giappone e Russia.

“Tutte le parti coinvolte devono prestare attenzione ed essere pazienti. Serve un buon discernimento politico per affrontare le possibili interferenze nella ripresa del dialogo”, ha sottolineato il presidente Xi Jinping.

La Cina è favorevole alla ripresa dei negoziati tra le due estremità della penisola coreana e vede positivamente il coinvolgimento attivo degli Stati Uniti all’interno del dialogo tra le parti. Il Giappone, invece, è scettico in merito alla questione, in quanto teme che si potrebbe trattare di “talks for the sake of talks”, ovvero di semplici parole e non fatti.  

Il governo del Giappone ha concordato con Seoul di mantenere la massima pressione sulla Corea del Nord fino al momento in cui quest’ultima agirà concretamente per risolvere la questione del suo programma nucleare in corso.

A Ginevra, l’ispettore delle Nazioni Unite sulla Corea del Nord ha ricordato che qualsiasi progresso relativo al dialogo sulla sicurezza e sulla denuclearizzazione della penisola dovrà essere accompagnato da un’attenta discussione sulla violazione dei diritti umani, perpetrata sotto la leadership di Kim Jong Un.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Alice Barberis

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.