Sri Lanka: arriva sottosegretario Onu

Pubblicato il 9 marzo 2018 alle 6:10 in Asia Sri Lanka

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il sottosegretario per gli affari politici presso le Nazioni Unite, Jeffrey Feltman, è arrivato, giovedì 8 marzo, nello Sri Lanka, dove si tratterrà per tre giorni. Durante la visita, il sottosegretario Feltman incontrerà i principali esponenti politici del Paese, tra cui il presidente Maithripala Sirisena e il primo ministro Ranil Wickremesinghe.

Le Nazioni Unite hanno sottolineato che la visita viene effettuata nel contesto del persistente coinvolgimento dell’organizzazione all’interno del Paese. Lo Sri Lanka è entrato a far parte dell’ONU il 14 dicembre 1955. Da allora, l’organizzazione collabora con il governo del Paese e con la società civile per garantire migliori condizioni di vita per la popolazione. L’obiettivo consiste nel rendere l’isola prospera economicamente e pacifica internamente.

La popolazione dello Sri Lanka si divide in tre componenti principali. La maggioranza è composta dai cingalesi. Le due minoranze più cospicue, invece, sono rappresentate dai Tamil, presenti soprattutto nell’area nord-orientale dell’isola, e dai musulmani, che formano circa il 10% della popolazione. Dal 1983 il Paese ha vissuto la guerra civile a causa dei continui scontri tra il governo e il gruppo separatista noto come le Tigri del Tamil. L’obiettivo dell’organizzazione, dalla sua nascita nel 1975, è consistito nell’ottenimento di uno Stato indipendente nel nord-est dell’isola. La guerra civile è terminata formalmente il 17 maggio 2009 con la dichiarazione della sconfitta da parte delle Tigri del Tamil sotto il governo del presidente Mahinda Rajapaksha.

A partire dal 2012, tuttavia, l’isola è stata scossa da nuovi scontri tra la maggioranza cingalese e la minoranza musulmana. Questi scontri si sono intensificati negli ultimi giorni, costringendo il governo a dichiarare lo stato di emergenza in alcune aree del Paese.

Il portavoce delle Nazioni Unite, Stephane Dujarric, ha affermato che la visita del sottosegretario Feltman era stata programmata prima dell’imposizione dello stato di emergenza da parte del governo dell’isola. “Siamo ovviamente turbati dai resoconti sulla persistente situazione di violenza pubblica e accogliamo favorevolmente ogni tentativo posto in atto dal governo per cercare di risolvere la questione in maniera risoluta e pacifica”, ha sottolineato il portavoce Dujarric.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Alice Barberis

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.