Cuba vieta l’ingresso agli ex presidenti di Colombia e Bolivia

Pubblicato il 9 marzo 2018 alle 6:05 in America Latina Cuba

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

“Cuba ha negato oggi l’entrata al territorio nazionale degli ex presidenti della Colombia, Andres Pastrana, e Bolivia, Jorge Quiroga, vincolati con una provocazione anticubana” – è quanto rendono noto le autorità dell’isola, che ribadiscono di avere “sventato una provocazione anticubana”

Gli ex presidenti sono stati fermati dopo il loro arrivo mercoledì  7 marzo all’Aeroporto Internazionale Josè Martì dove erano arrivati col proposito di ricevere il premio Oswaldo Payá, patrocinato da gruppi anticastristi, “controrivoluzionari” secondo le autorità cubane. 

“Le autorità dell’isola, facendo prevalere le leggi che sostentano la sovranità della nazione, hanno frustrato questa provocazione che pretendeva di sommarsi ai numerosi tentativi per generare instabilità, danneggiare l’immagine internazionale del paese e colpire le relazioni diplomatiche di Cuba con il resto della regione” – si legge sul sito ufficiale cubadebate.cu.

Il premio che porta il nome del defunto oppositore cubano è promosso dalla Rete Latinoamericana di Giovani per la Democrazia, un gruppo d’opposizione che le autorità isolane ritengono essere finanziato da membri della controrivoluzione cubana a Miami e in Europa, e i cui fini sono considerati sovversivi e lesivi dell’ordine costituito.

“Non è casuale che la Rete conceda i suoi premi ad ex presidenti conservatori che si sono uniti per sconfiggere i progetti progressisti in America Latina e nei Caraibi” – sottolinea la versione ufficiale. A consegnare il premio avrebbe dovuto essere Rosa María Payá, figlia dell’oppositore morto in un incidente d’auto nel 2012. 

Andrés Pastrana, che ha guidato la Colombia dal 1998 al 2002, e Jorge Quiroga, presidente della Bolivia tra il 2001 e il 2002, sono stati trattenuti per due ore in una stanza dell’ufficio migrazioni dell’aeroporto Martí, sotto il costante controllo delle telecamere, prima di essere imbarcati su un volo Avianca diretto a Bogotà.

Il premio Payá è stato assegnato alla Iniciativa Democrática de España y América (IDEA), un gruppo di lavoro che riunisce 37 ex presidenti ed ex capi di governo del mondo ispanico. 

Il quotidiano ufficiale Granma, ha reso noto, inoltre, che anche i segretario generale dell’Organizzazione degli Stati Americani (OEA) aveva chiesto il visto per entrare a Cuba in occasione della consegna del premio. Visto negato dalle autorità della maggiore delle Antille, che bollano la richiesta di visto del politico uruguaiano, uno dei più duri critici del governo dell’Avana, come “provocazione”.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.