Human Rights Watch: 13.000 migranti ancora bloccati sulle isole greche

Pubblicato il 8 marzo 2018 alle 17:31 in Grecia Immigrazione

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Human Rights Watch (HRW) ha lanciato l’ennesimo appello per denunciare le condizioni dei migranti intrappolati sulle isole greche. Secondo le stime dell’organizzazione umanitaria, sarebbero 13.000 gli individui ancora bloccati in territorio greco, dove sono costretti a vivere in centri in condizioni precarie, senza avere accesso ai beni di prima necessità, alle cure mediche e all’assistenza.

Tale situazione è stata denunciata più volte, sia da HRW sia da altre organizzazioni, come la UN Refugee Agency (UNHCR) e Amnesty International. A febbraio, secondo quanto riferito dal comunicato dell’agenzia dell’Onu, più di 600.000 richiedenti asilo hanno rivelato episodi di molestie e violenza nel corso di tutto il 2017, nonostante gli sforzi del governo di Atene per migliorare le condizioni dei centri di accoglienza. Con la nuova denuncia, HRW chiede alle autorità greche di agire immediatamente e porre fine alla politica di contenimento che intrappola i richiedenti asilo sulle isole in queste condizioni precarie. In seguito all’accordo con la Turchia del 18 marzo 2016, è stato stabilito che i migranti che giungono sulle isole possono raggiungere il territorio della Grecia continentale soltanto dopo l’esame delle loro richieste asilo. Date i lunghi periodi di attesa, i campi di rifugiati delle isole sono sovraffollati a mal gestiti.

“La politica di contenimento del governo di Atene ha trasformato le isole greche, un tempo simbolo di speranza e solidarietà, in prigioni a cielo aperto, dove i rifugiati attendono per mesi, finendo per esser vittima di abusi”, ha spiegato Gabriel Sakellaridis, direttore di Amnesty International per la Grecia. A suo avviso, le autorità greche, con il supporto dell’Unione Europea, dovrebbero provvedere subito al trasferimento dei migranti dalle isole alla Grecia continentale.

Dal primo dicembre 2017, diversi gruppi umanitari hanno lanciato la campagna #OpentheIslands , con la quale stanno continuando a chiedere al premier Alecxis Tsiparas di cambiare politiche e intervenire per migliorare la situazione dei migranti.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.