Precipita aereo russo in Siria: 32 morti

Pubblicato il 7 marzo 2018 alle 14:21 in Russia Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Durante l’atterraggio nella base aerea russa di Khmeimim, un aereo da trasporto russo An-26 è precipitato; secondo i dati preliminari, i 26 passeggeri e 6 membri dell’equipaggio a bordo sono rimasti uccisi nell’incidente, ha comunicato il ministero della Difesa russo.

“Il 6 marzo alle 15 ora di Mosca l’aereo da trasporto russo An-26 si è schiantato durante l’atterraggio nella base aerea di Khmeimim. Secondo i dati preliminari, 26 passeggeri e 6 membri dell’equipaggio erano a bordo del velivolo: sono tutti morti” di afferma nel comunicato.

L’aereo è precipitato a circa 500 metri dalla pista di atterraggio, secondo le prime informazioni.

La causa dell’incidente, secondo i dati preliminari, potrebbe essere un malfunzionamento tecnico, secondo il rapporto dalla scena, non vi è stato alcun impatto di fuoco sull’aereo, specificato dal Ministero della Difesa.

La commissione del Ministero della Difesa studierà tutte le possibili versioni di ciò che è accaduto, mentre la Procura Militare Centrale di Mosca ha aperto un fascicolo ,al momento contro ignoti.

Il velivolo multiuso An-26 è progettato per il trasporto di merci a piccole e medie distanze. Può anche trasportare passeggeri su sedili pieghevoli lungo il lato ad un’altitudine fino a seimila metri.

Khmeimim, attiva sin dal 2015, quando Mosca decise di intervenire direttamente in Siria al fianco del governo di Damasco, è da dicembre dello scorso anno la base del “gruppo permanente” delle forze armate russe in Siria, le truppe che Mosca prevede di lasciare nel paese mediorientale anche al termine del conflitto.

Khmeimim è principalmente una base dell’aviazione militare russa, dotata di aeroporto atto ad accogliere qualsiasi tipo di velivolo, ma ha anche spazi attrezzati per operazioni di intelligence e altri atti ad accogliere un eventuale contingente di truppe di terra.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.