Tregua con i talebani: UNAMA appoggia la proposta del presidente Ghani

Pubblicato il 1 marzo 2018 alle 17:23 in Afghanistan Asia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La missione dell’Onu in Afghanistan (UNAMA) ha accolto positivamente la proposta di tregua che il presidente Ashraf Ghani ha avanzati ai talebani.

Nel comunicato ufficiale si legge che l’UNAMA supporta fortemente la visione di Ghani per il processo di pace attraverso il dialogo tra le parti coinvolte. “La missione elogia la dichiarata preparazione delle autorità afghane a discutere tutte le questioni come parte di un processo di pace, inclusi aspetti chiave come la costituzione e la revoca di sanzioni contro persone ed entità, così come il rilascio di prigionieri”, riferisce il documento.

Il 28 febbraio, in occasione dell’inizio del secondo meeting del Kabul Process for Peace and Security Cooperation, Ghani ha proposto l’istituzione di un cessate il fuoco, il rilascio dei prigionieri talebani, insieme all’organizzazione di nuove elezioni che includano i militanti, e che prevedano ad una revisione costituzionale. “Stiamo facendo questa offerta senza alcuna condizione, così da raggiungere più facilmente un accordo di pace”, ha spiegato Ghani agli ufficiali dei 25 Paesi partecipanti alla conferenza del Kabul Process. Il presidente ha poi esortato i talebani ad accettare l’offerta per salvare l’Afghanistan, affermando che “la pace è nelle loro mani”. Per spingere i militanti a scendere a patti, Ghani ha annunciato che il governo di Kabul fornirà a tutte le famiglie dei talebani passaporti e visti, e rimuoverà le sanzioni contro i loro leader.

L’UNAMA è stata stabilita con la Risoluzione 1401 del Consiglio di sicurezza nel marzo 2002, su richiesta del governo afghano. Il suo mandato viene rinnovato ogni anno, con l’ultimo rinnovo datato 17 marzo 2017, quando il Consiglio ha adottato la Risoluzione 2344 (2017). La missione mantiene una presenza permanente di forze sparse per tutto l’Afghanistan, con l’obiettivo di stabilizzare il Paese e assicurare la pace per i suoi cittadini. In merito al processo di pace, l’UNAMA supporta gli sforzi del governo di Kabul per dialogare con i gruppi armati, contribuendo a creare una cultura di pace e coesione sociale. La missione supporta altresì l’instaurazione di una cooperazione regionale per la normalizzazione della sicurezza, della stabilità, dell’integrazione economica e dello sviluppo in tutto l’Afghanistan. Infine, l’Onu mira a proteggere i civili, tra cui soprattutto le donne, i bambini ed i gruppi più vulnerabili.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.