Lavrov: ribelli siriani bloccano aiuti nel Ghouta

Pubblicato il 1 marzo 2018 alle 6:07 in Russia Siria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il ministro degli esteri russo Sergej Lavrov ha dichiarato che i ribelli anti-governativi impediscono l’arrivo degli aiuti e le evacuazioni nel Ghouta orientale, assediato da giorni dalle forze legittimiste del presidente Assad.

Parlando al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite a Ginevra, Lavrov ha aggiunto che Mosca continuerà a sostenere Damasco nella “lotta al terrorismo”. 

“I ribelli nel Ghouta stanno violando la tregua umanitaria – ha accusato il capo della diplomazia russa- continuano a colpire Damasco, impediscono l’arrivo degli aiuti e bloccano le evacuazioni di civili e feriti”. Si calcola che siano circa 400.000 le persone che si trovano nell’area a est della capitale Damasco che rimane in mano dei ribelli, assediata dalle truppe governative sostenute dalla Russia.

Lavrov ha aggiunto che la guerra in Siria non sta peggiorando, commentando: “Sta peggiorando forse per i terroristi di Jabhat al-Nusra, che volontariamente o involontariamente sono stati significativamente risparmiati dalla coalizione a guida americana. Abbiamo sollevato questo problema con Washington molte volte, ma non abbiamo ricevuto una risposta credibile “.

Le Nazioni Unite hanno votato una tregua di 30 giorni con il voto della Russia, ma la tregua non riguarda i gruppi che Mosca e Damasco considerano terroristi e contro cui stanno portando a termine operazioni militari.

Sulla situazione nel Goutha orientale è intervenuto anche il presidente Putin, che parlando in conferenza stampa a margine del vertice con il cancelliere austriaco Kurz ha dichiarato che Mosca “non sopporterà all’infinito i colpi lanciati dai ribelli dal Ghouta orientale”. 

“Come sapete bene, o per lo meno come sappiamo bene in Russia, colpi di mortaio e granate cadono quotidianamente anche sul territorio dell’Ambasciata e della missione commerciale russa a Damasco, pensate che sopporteremo all’infinito? Certo che no!” – ha affermato il leader del Cremlino intervistato dal corrispondente dell’agenzia di stampa TASS sulla situazione nel Ghouta orientale.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.