Russia-Argentina: servizi segreti fermano 389 kg di cocaina destinati a Mosca

Pubblicato il 25 febbraio 2018 alle 6:00 in Argentina Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I servizi segreti russi e argentini hanno fermato la spedizione a Mosca di 389 kg di cocaina e arrestato diverse persone, tra cui un ufficiale di polizia argentino e un cittadino russo, ha dichiarato il ministro della sicurezza argentino Patricia Bullrich.

 Stando a quanto dichiarato da Bullrich, l’ambasciata russa a dicembre del 2016 aveva comunicato al Ministero della sicurezza il rilevamento delle valigie con la cocaina. Nel corso di un’operazione congiunta tra i servizi segreti dei due paesi, la cocaina sarebbe stata sostituita con della farina e nelle valigie sarebbero stati collocati dei localizzatori GPS. La polizia ha potuto così ascoltare le conversazioni telefoniche delle persone coinvolte nel traffico di droga. La droga era destinata alla spedizione in Russia.

“La droga in Russia non è arrivata, è arrivata la farina”, ha affermato il ministro, sottolineando l’efficacia della cooperazione con i colleghi russi.

Il costo della droga confiscata sul mercato nero ammonta a circa 50 milioni di euro. La droga si trovava nell’edificio della scuola dell’ambasciata. I media hanno riferito che i nomi degli arrestati sono Ivan Bliznyuk, che aveva lavorato più volte con il dipartimento di polizia di Buenos Aires e si recava spesso in Russia, Alexander Chikalo.

Dai risultati delle intercettazioni è emerso che avessero piani non solo per il contrabbando in Russia, ma anche in Germania e Paesi Bassi. Oltre a inviare la droga tramite il servizio di posta dell’ambasciata, avevano considerato anche l’opzione di consegna della cocaina con un aereo privato o durante un viaggio in Russia di un gruppo di cadetti di polizia argentini.

In precedenza, anche una fonte interna al degli Esteri della Federazione Russa aveva dichiarato che i servizi segreti di Russia e Argentina erano impegnati in un’operazione congiunta volta a frenare il traffico di droga in Europa e soprattutto in Russia, ma essendo l’operazione in corso non aveva divulgato ulteriori dettagli.

 

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.