Messico-USA: annullato l’incontro fra Trump e Peña Nieto

Pubblicato il 25 febbraio 2018 alle 14:48 in Messico USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente del Messico, Enrique Peña Nieto, sabato 24 febbraio ha cancellato la sua visita alla Casa Bianca in seguito a un acceso scambio telefonico con il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

Il leader messicano aveva pianificato la sua prima visita ufficiale a Washington in questo periodo dell’anno, sin dall’insediamento di Trump. I dettagli dell’incontro sarebbero stati definiti in seguito alla telefonata fra i due leader, che si è tenuta martedì 20 febbraio. Tuttavia, i due presidenti non sono riusciti a trovare un accordo sulla disputa riguardante il muro che Trump vuole costruire al confine con il Messico. La telefonata, di circa 50 minuti, è stata sospesa in seguito alla richiesta, da parte di Peña Nieto, di un riconoscimento pubblico del rifiuto del Messico di pagare per la costruzione del muro. Dal punto di vista di Trump, è irragionevole che il presidente messicano gli chieda di tirarsi indietro da una delle promesse fatte durante la campagna elettorale.

Un funzionario statunitense ha dichiarato che Trump e Peña Nieto hanno deciso che questo non è il periodo adatto per una visita ufficiale, nonostante i loro rispettivi team continueranno a tenersi in contatto e a lavorare insieme. Secondo il Washington Post, tuttavia, la relazione fra i due leader è stata rovinata dalla questione della barriera, mettendo in pericolo l’alleanza fra i due Paesi.

È la seconda volta che viene cancellato un incontro fra i due leader. Il presidente messicano avrebbe dovuto incontrare Trump poco dopo il suo insediamento, a gennaio 2017, ma aveva cancellato la riunione in seguito a una dichiarazione, rilasciata dal presidente statunitense su Twitter, dove spiegava che tale incontro sarebbe stato inutile, se il Messico si fosse rifiutato di pagare per il necessario muro di confine.

La questione del finanziamento per la costruzione della barriera al confine fra i due Stati è stata fonte di numerosi dibattiti. Trump, sin dalla sua campagna elettorale, ha sempre promesso che avrebbe costruito il muro a spese del governo messicano, che da parte sua si era sempre rifiutato ad accettare una decisione simile. Il leader statunitense aveva altresì proposto di imporre una tassa sui beni importati dal Messico, in modo da generare un fondo che sarebbe stato utilizzato per la barriera. L’ultimo budget delineato da Trump include circa 25 miliardi di dollari destinati alla sicurezza ai confini, la maggioranza dei quali verranno incanalati verso la costruzione del muro.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Consultazione delle fonti inglesi e redazione di Chiara Romano

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.