Pakistan invia nuove truppe in Arabia Saudita: Parlamento sospetta coinvolgimento in Yemen

Pubblicato il 22 febbraio 2018 alle 16:32 in Arabia Saudita Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il governo pakistano è stato accusato di aver inviato un contingente militare di più di 1.000 soldati in Arabia Saudita per assistere Riad nella guerra in Yemen. Nel corso della settimana passata, il Ministero della Difesa ha reso nota la notizia, destando dubbi e critiche in seno al Parlamento.

Secondo quanto riferito dal quotidiano pakistano, The Dawn, Riad aveva chiesto l’appoggio di Islamabad in Yemen fin dallo scoppio del conflitto civile, nel marzo 2015, ma le autorità pakistane avevano adottato una risoluzione parlamentare, nell’aprile di quell’anno, che dichiarava la loro neutralità di fronte alla questione. Tuttavia, nel corso del 2017, un capo militare pakistano, il generale Raheel Sharif, era stato mandato a guidare la coalizione a guida saudita che bombarda i ribelli sciiti Houthi in Yemen. Per tale ragione, molti si aspettavano che l’invio delle truppe di Islamabad in appoggio a Riad sarebbe stato annunciato prima o poi.

Il Ministero della Difesa pakistano ha dichiarato che, nonostante il posizionamento di truppe, il Pakistan continuerà a rimanere neutrale, in linea con le risoluzioni adottate in passato dal Parlamento che impongono al Paese asiatico di non prendere parte ad alcuna guerra in Medio Oriente. Per tale ragione, il Ministero ha cercato di rassicurare il Senato, rendendo noto che le truppe non verranno inviate al di fuori del territorio saudita. Nonostante ciò, il presidente del Senato, Raza Rabbani, ha espresso la propria sfiducia, dichiarando che il Parlamento non è stato soddisfatto dalla spiegazione fornita dal Ministero della Difesa. Per far luce sulla questione, Rabbani ha chiesto che venissero condivise informazioni sulla missione, ma il Ministero ha declinato la proposta, riferendo che i dettagli delle operazioni non possono essere divulgati. In un ulteriore tentativo per rassicurare il Parlamento, gli ufficiali della Difesa hanno diffuso un comunicato in cui hanno sottolineato l’importanza delle relazioni tra il Pakistan e l’Arabia Saudita. Nel documento si legge che la cooperazione militare tra i due Paesi risale ad almeno 50 anni fa e che almeno 10.000 soldati sauditi sono stati addestrati presso campi militari in Pakistan.

Il 19 febbraio, il ministro della Difesa pakistano, Khurram Dasigir-Khan, ha riferito alla nazione che le truppe svolgeranno una funzione di supporto e addestramento dei soldati sauditi. “Il contingente, una volta posizionato nel regno saudita, espleterà le proprie funzioni rimanendo sempre entro i suoi confini”, ha precisato il ministro.

Il nuovo dispiegamento di forze si andrà ad unire ad altre 1.600 truppe pakistane che si trovano già in Arabia Saudita. La cooperazione militare tra i due Paesi risale ad un trattato del 1982, in base al quale le truppe pakistane possono addestrare le controparti saudite, e supportarle nelle missioni interne di sicurezza. Dal 1967, il Pakistan ha così addestrato più di 8.200 agenti sauditi, unendosi a diverse esercitazioni militari.

Quando è scoppiato il conflitto civile in Yemen, il 21 marzo 2015, l’Arabia Saudita ha assemblato una coalizione di Stati formata da Bahrein, Kuwait, Qatar, Emirati Arabi uniti, Egitto, Giordania, Marocco e Sudan. Nella guerra si contrappongono due fazioni che rivendicano la legittimità del potere. Da un lato, gli Houthi, un gruppo zaidita sciita, sostenuto dall’Iran, e dall’altro le forze del governo del presidente yemenita, Mansour Hadi. La coalizione araba, a guida saudita, che sostiene il presidente yemenita, è entrata nel conflitto il 26 marzo 2015.  Dopo oltre due anni di guerra, lo Yemen, uno dei Paesi pèiù poveri al mondo, versa in una situazione disastrosa. Le sue infrastrutture sono state duramente colpite e il suo popolo impoverito dagli scontri e dalle malattie.

Al-Jazeera English riporta che, ad avviso degli analisti, l’invio di ulteriori truppe pakistane in Arabia Saudita potrebbe generare tensioni con l’Iran, principale rivale saudita e sostenitore degli Houthi nel conflitto in Yemen.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.