Il senatore Rubio a favore di un golpe in Venezuela

Pubblicato il 13 febbraio 2018 alle 14:29 in America Latina Venezuela

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il senatore repubblicano della Florida Marco Rubio è al centro di polemiche con numerose diplomazie latinoamericane sin da venerdì scorso, quando sull’account Twitter del senatore di origine cubana è stato scritto: “Il mondo appoggerebbe le forze armate in Venezuela se decidessero di proteggere il popolo e restaurare la democrazia rimuovendo il dittatore”.

La Associated Press ha cercato di intervistare il senatore dopo la pubblicazione del messaggio, Rubio ha risposto via mail che “il regime di Maduro è un governo illegittimo che ha condotto il popolo del Venezuela alla sofferenza e alla miseria, finché rimane al potere non c’è speranza di un ritorno alla democrazia”.

la scorsa settimana, parlando alla Università del Texas ad Austin, il segretario di stato Rex Tillerson aveva auspicato una “transizione pacifica” nel paese sudamericano, gestita dai militari. “Nella storia di certe nazioni sudamericane – ha aggiunto Tillerson – i militari sono agenti di cambiamento quando le cose peggiorano e la leadership smette di servire il popolo”.

Immediate le reazioni polemiche di Caracas, che denuncia l’appello al golpe da parte di Washington come l’ennesima intromissione in affari interni del Venezuela e come la prova dei legami tra gli USA e ambienti golpisti venezuelani.

La presidente dell’Assemblea Costiuente di Caracas Delcy Rodríguez ha dichiarato che Rubio ignora il valore delle Forze Armate Bolivariane e lo ha sfidato: “esca dall’immondezzaio dove fa politica e se dice di essere un uomo venga in questa terra di valorosi e giganti a mordere la polvere della sconfitta“.

“Rubio è il fededegno rappresentante del ruolo miserabile del capitalismo statunitense nel rovinare l’umanità della nostra America” – ha concluso Rodríguez.

Numerose diplomazie latinoamericane e caraibiche hanno condannato l’appello al golpe in Venezuela, sottolineando l’importanza di una soluzione pacifica alla crisi istituzionale, politica ed economica di Caracas.

Il senatore repubblicano è considerato uno egli artefici dell’indurimento della politica statunitense nei confronti i Caracas e dell’Avana, nonché uno degli autori ed elle norme che introducono sanzioni contro politici ed enti venezuelani.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale 

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.