Mozambico: deportati 50 migranti illegali etiopi

Pubblicato il 9 febbraio 2018 alle 18:23 in Immigrazione Mozambico

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le autorità del Mozambico hanno deportato 50 migranti etiopi che si erano introdotti entro i confini del Paese illegalmente.

Secondo un comunicato del Mozambican Immigration Service (SENAMI), 40 etiopi erano stati trovati nella foresta, presso il distretto centrale di Gorongosa, mentre gli altri 10 erano stati arrestati in diverse parti del Paese. Alcuni di loro hanno riferito agli ufficiali dell’immigrazione di aver effettuato un lungo viaggio, di almeno 6 mesi, partendo dall’Etiopia e passando per il Kenya e la Tanzania, alla ricerca di opportunità economiche. La portavoce del SENAMI, Cira Fernandes, ha riferito che nessuno dei migranti aveva passaporti o altri documenti validi.

Il quotidiano Africa News spiega che le procedure di rimpatrio sono molto costose per il governo di Maputo. Nel 2017, sono stati spesi più di 200.000 dollari per riportare a casa circa 4.000 migranti illegali. Tuttavia, l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM) ha concordato con le autorità del Mozambico di addossarsi parte delle spese, fornendo ai migranti cibo e risorse mediche. Intanto, il Ministero degli esteri etiope ha reso noto che i 50 migranti sono rientrati in patria grazie alla collaborazione con l’IOM.

Nonostante l’Etiopia sia uno dei principali attori del Corno d’Africa, sia in termini economici, sia in termini di sicurezza, è stata individuata come Paese chiave dal quale partono ingenti flussi di migranti alla volta dell’Europa, ma anche verso l’Arabia Saudita e altri Paesi africani. Dall’altra parte, il Mozambico è uno Stato dell’Africa sud-orientale che sta cercando di riprendersi ancora da una violenta guerra civile, durata 16 anni, iniziata in seguito all’indipendenza dal Portogallo nel 1975 terminata nel 1992. L’attuale leader, Felipe Nyusi, in carica dal gennaio 2015, è a capo del partito FRELIMO (Fronte per la Liberazione del Mozambico), che dette inizio alla guerra per l’indipendenza.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.