ECOWAS sanziona 20 individui della Guinea Bissau

Pubblicato il 7 febbraio 2018 alle 18:32 in Africa Guinea Bissau

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale (ECOWAS) ha imposto sanzioni contri 20 politici e uomini d’affari della Guinea Bissau, accusati di operare contro la risoluzione della crisi politica in corso nel Paese africano.

La decisione è stata presa in seguito alla nomina di Augusto Antonio Artur come primo ministro, da parte del presidente Jose Mario Vaz, in violazione all’accordo stipulato con l’ECOWAS il 10 settembre 2016 per porre fine alla crisi, conosciuto con il nome di Conakry Accord. Tra gli individui sanzionati ci sono membri della fazione parlamentare di Vaz e anche il figlio, Emmerson Goudiaby Vaz.

Le tensioni politiche in Guinea Bissau, Paese dell’Africa occidentale, sono scoppiate nell’agosto 2015, quando il presidente Vaz, in carica dal 23 giugno 2014, ha rimosso l’allora primo ministro Domingos Pereira, sostenuto dall’opinione pubblica e da numerosi investitori occidentali. Tale mossa ha innescato un periodo di instabilità che ha portato ad un vero e proprio stallo. L’accordo di Conakry avrebbe dovuto risolvere tale situazione, tuttavia, importanti clausole del patto non sono state rispettate, creando ulteriori problemi tra le élite politiche locali. Occorre considerare che l’impasse politico favorisce i trafficanti di droga, in quanto l’ex colonia portoghese costituisce un ambiente favorevole a causa della dilagante criminalità. Gli Stati Uniti, infatti, hanno accusato alcuni ufficiali militari di trarre profitto dal commercio di cocaina proveniente dal Sud America, diretto verso l’Europa.

Sicurezza Internazionale è il primo quotidiano italiano dedicato alla politica internazionale.

Sofia Cecinini

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.